Language   

I Montedisonesti

Cantambanchi
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Janavel
(Cantambanchi)
Italiani che a gennaio vanno a Genova
(Giuliano Contardo)
Antonio Vendramin
(Cantambanchi)


[1977]


Il folk-cabaret politico dei Cantambanchi in una canzone tratta dalla loro prima storica e rarissima cassetta, registrata tra il 1976 e il 1977 da Gigi Venegoni e Arturo Romano. Testo di Renato Scagliola, musica dei Cantambanchi. I Montedisonesti è' un collage di citazioni di canti popolari (Cecilia, L'Omnetin) attualizzati alla luce dei fatti di cronaca e politica dell'epoca.



I Cantambanchi qui sono: Renato Scagliola, voce. Franco Contardo, voce e tamburello. Laura Ennas, voce solista. Giancarlo Perempruner, voce e strumenti autocostruiti. Claudio Perelli, voce e chitarra. Francesco Bruni, voce, chitarra e percussioni.
La Gazzetta Il Gazzettin, Il Corriere Il Corrierin
Ed il Resto del Carlìn, ed il Resto del Carlìn
Chi se ne frega delle spese
Paga il Paese, paga il Paese
Siam democratici cristiani
Viva Fanfani che è il nostro re

Fare giornali è una missione
Richiede molta concentrazione
Vendendo concime, vendendo petrolio
Compriamo Corrieri, compriamo ogni foglio

Fra noi non ci sono soltanto porcelli
Ma anche mansueti Caprotti ed Agnelli
Che brucano e belano un redazione
Sono gli ovini dell'informazione

San Pasquale Idrocarburo c'ho fiducia nel futuro
Se darai la protezione come al solito al padrone
Se darai la protezione come al solito al padrone
San Fanfanianu, San Fanfanianu
Tu sì che si lu santu americanu

Noi ce ne freghiamo di ogni notizia
La consideriamo come immondizia
Quel che ci importa è fare sapere
Come la pensa chi sta al potere

Con carta, inchiostro e rotative
Non vorremmo mai dar notizie cattive
Salvo che sian delinquenti o teppisti
O quel che è peggio dei comunisti

Mi son comprato un giornalino
Per il mio capitalino
Ho preso un democristianino
Per fargli fare il direttorino

Negli ultimi tempi non va tanto bene
Perché c'è qualcuno, gran figlio di cane
Che va a dire in giro che l'informazione
E' solo al servizio della reazione

E questo non basta, anche i redattori
Fanno congressi e ci sbattono fuori
Ci buttano addosso tutte le colpe
Solo perché vorremmo un bel golpe

Ci sono tre gentildonne
Che vengono da Washington
La più bella è la CIA
Che viene a trovare il suo SID

Nei quotidiani non vogliamo bordelli
Prendete esempio da Montanelli
Che - non sappiamo con quale pretesto
- Qualcuno chiama Montedisonesto

(Cefis o Cefìs?)

Ce fischiano a Roma, ci insultano a Bari
Questi cafoni di proletari
A sentir loro nessuno più campa
Senza 'sta libertà di stampa

Se ladri e bugiardi avessero un lampione
Oi mamma mia, oi mamma mia
Se ladri e bugiardi avessero un lampione
Nella DC che illuminazione

L'unico modo di fare giustizia
E' che un bel giorno la bella notizia
Esca insieme su tutti i giornali
Con dei bei titoli cubitali

Pieno di vizi e col fiato corto
Il capitale oddio è morto
L'hanno ammazzato, un vero macello
A colpi di falce e di martello

Contributed by CCG/AWS Staff Bernart Bartleby compreso - 2018/12/14 - 17:34


Franco Contardo, membro dei Cantambanchi è anche il papà di altri due musicisti: Giuliano Contardo, cantautore, che ha tra le sue collaborazioni Yo Yo Mundi e Giulia Tripoti e Daniele Contardo, già nei Modena City Ramblers, nei FryDa con Francesco Moneti.
È grazie alla collaborazione con i fratelli Contardo che, seppur raramente, i Cantambanchi tornano sulle scene

Dq82 - 2018/12/14 - 19:05



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org