Language   

Simmo tutte Sioux

Terroni Uniti
Language: Neapolitan


Related Songs

Mon seul métier d'Hoëdic
(Gérard Pierron)
La Madlèina
(Marco Rey)
Maledetta primavera
(Popolo No TAV)


2017
Simmo tutte Sioux
Simme tutte sioux
Dopo il successo del brano “Gente do sud“, con cui i Terroni Uniti stanno portando il loro messaggio di accoglienza e fratellanza dei popoli in tutto il Paese fino ad espugnare Pontida, la roccaforte della Lega in cui lo scorso maggio hanno tenuto un concertone antirazzista, il collettivo di artisti napoletani ritorna con un nuovo singolo “Simmo tutte Sioux”, a sostegno di una nuova causa, questa volta oltreoceano.

Da Napoli a Standing Rock, il canto dei Terroni uniti si unisce alla causa delle popolazioni indigene che vivono nei territori compresi tra il tra North Dakota e South Illinois, attraversati dai fiumi Missouri e Mississippi. All’inizio del 2016 queste popolazioni hanno dato vita a una protesta conosciuta come “NODAPL” (No Dakota Access Pipeline) contro la costruzione di un oleodotto che viola una terra considerata sacra e che costituisce una minaccia per il loro approvvigionamento d’acqua. Con un presidio nei pressi della riserva di Standing Rock, i “Water Protectors” hanno difeso per mesi una terra della quale si sentono custodi e non proprietari, proteggendo l’acqua e quindi la vita. I Terroni Uniti manifestano con questa canzone la loro vicinanza ai Water Protectors, pubblicando anche un video, per la regia di Luciano Filangieri, in cui condividono un sentimento di preoccupazione per il destino della terra.

L’utilizzo di parole e simboli indigeni non vuol essere una forma di appropriazione culturale, ma un tentativo di divulgare le ragioni della protesta, con il massimo rispetto e con la consapevolezza che la musica sia il mezzo più potente per veicolare messaggi, quindi NoDapl ma anche No Tav, No Triv, No Expo, No Tap e no a quella globalizzazione che costruisce muri anziché abbatterli.

Artisti: Roberto Colella (La Maschera), Brunella Selo, Franco Ricciardi, Marcello Colasurdo, Alan Wurzburger, Valentina Stella, Andrea Tartaglia, Ciccio Merolla, Maurizio Capone, Picciotto, Carmine D'Aniello, Piotta, Tommaso Primo, Valerio Jovine, Speaker Cenzou, Pepp Oh, Dope One, Oyoshe, O’ Zulù (99 Posse), Assia Fiorillo, Eugenio Bennato, Maurizio Affuso, Aldolà Chivalà
Musicisti: Massimo Jovine (99 Posse), Antonio Esposito (batteria), Ciccio Merolla (percussioni), Gianfranco Campagnoli (tromba), Arcangelo Michele Caso (violoncello), Giuseppe Spinelli (chitarra), Gianpaolo Ferrigno (chitarra), Carmine Guarracino (chitarra manuche), Joe Petrosino (bouzuki), Igea Montemurro (violino), Giordana Curati (fisarmonica), Maurizio Capone (scopa elettrica)
Tecnici: Alessandro Aspide, Beatbox Pro Lab Sound, Luca De Gregorio, Noon Studio

NB trascritta all'ascolto traducendo i sottotitoli in inglese
Come o sangre ca scorr intra terra
vita ca senti int vene
oro nero fortuna per pochi
pe tutt'e quant è veleno
U riflesso ca vedi int all'acqua
è 'na faccia di u criatura
ca sona u tamburo
e sente nu canto antico ca sape già
Terra acqua e foco so' o tiatr
addo spirito s'esprime
e m'inchino 'nnanz a stu spettacolo
ch'è arrivata l'ora fine
parlano sti piante e danno sciato
m'hann raccontato ca venive
ma no simm' ancora vivi
figli nostri hann a crescere ca

Credo a nu solo dio
padre e nessuno ma figl' mio
Credo alla Madre Terra,
se la rispetti parla.
Già l'ate accisa na volta
non ci provate mai più.
Non sono soli i Dakota,
ca simmo tutti Sioux

E' il ventre della terra che vi parla
il sole vi riscalda mentre vi nutrite di monete e carta
e il sale che vi rendo cuce le ferite
ricordate che mi calpestate solo in superficie

Sarò lieve
perché si nasce insieme
e si rinasce dal mio seme
rosso come il sangue delle arterie
per l'anima di ogni quartiere
dove manca ossigeno
sventrato dal cemento e privato del suo indigeno

Conservo radici da secoli
lontana memoria di popoli
privati di ogni libertà
ma ora 'sta terra nun sa dda tuccà

Roma sta qua
co chi sa che la morte va
nero pipeline ... o verde banconota
fuoco alle trombe
fuoco a Donald Trump
scappo ciuffo carota
noi Rosso Dakota

Io song' l'acqua
...
mi madr o munno
criata pa togliere a sete
fiume ca scorr
e a notte fa amore co e prete
e le stelle so pront a cantà

Io song o foco
ca brucia co l'anima regna
nata da nu baso
figl do lampo e da legna
frate o nemico
ca ragg è calore pa' gente
si n te scarda te po' abbrucià

Sai appartengo all'energia ancestrale
vieng da nu temp luntano
ca ... prima u bene du male
e la cosa ca tu chiami animo spiritualità
è la voce ca sient cu te e nun te po' lassà
Simmo pass e tribù
simmo anime e Sioux
alleati co a natura
mentre s'alzano ...
tra proteste e polizie
foreste e praterie
...
ma difendo casa mia

Credo a nu solo dio
padre e nessuno ma figl' mio
Credo alla Madre Terra,
se la rispetti parla.
Già l'ate accisa na volta
non ci provate mai più.
Non sono soli i Dakota,
ca simmo tutti Sioux

DA-
da Venosa alla Sicilia sul piede di guerra
KO-
coi tamburi battere i colori della terra
TA-
tali e quali siamo, ognuno ha la sua penna

Tutti Dakota sul piede di guerra
Tutti Dakota nessuna riserva
Tutti Dakota nel bene e nel amle
Tutti Dakota noi gente do mare

Noi naviganti tutti nella stessa barca,
navighiamo nella storia ma la storia è sempre la stessa,
se non esiste guerra che non sia una guerra sporca
facimm guerra solo a chi tocca a terra nostra

No Tav, No Triv, No MUOS, No Tap
No Justice, No peace,
quand ve ne iate vui
noi dicimm sì

Credo a nu solo dio
padre e nessuno ma figl' mio
Credo alla Madre Terra,
se la rispetti parla.
Già l'ate accisa na volta
non ci provate mai più.
Non sono soli i Dakota,
ca simmo tutti Sioux

Credo a nu solo dio
padre e nessuno ma figl' mio
Credo alla Madre Terra,
se la rispetti parla.
Già l'ate accisa na volta
non ci provate mai più.
Non sono soli i Dakota,
ca simmo tutti Sioux

Di sta terra nissun è padrone
nuio ne simmo soltanto i custodi

Contributed by Dq82 - 2018/10/29 - 16:29



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org