Lingua   

Sora un treno

Gualtiero Bertelli
Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)



«Can come de mi
sfrutà come de mi
de mi che te volevo diverso
tute le mie speranze
su voialtri g'ho puntà
se voialtri quelo
che 'sta vita me g'ha dà.

Co un peso che te schissa
co tanta amareza
semo andai, papà, ti te ricordi
zo par una strada
che davanti ai nostri passi
piera dopo piera la se cambiava.

Picolo sora un treno longo
co un bilieto in scarsela
do oci lustri par vardar
me pare e me mare in tera.

Li me saluda rossi in viso
i lo sconde dentro un fassoleto
e mi sicuro che ghe digo
«Speteme che ritorno presto».

E quasi ogni giorno scrivo
«Papà ti xe contento adesso
varda mama so sta bravo
'sto ano qua sarò promosso».

Sarò promosso de sicuro
divento un omo vero presto
adesso g'hò imparà che al mondo
se no se studia se xe poco».

Contento come ti
contento come mi
capirse dopo tanto tempo
ti che ti me disi:
«Visto che no g'ho sbaglià
adesso 'n'altra vita
ti ti g'ha da scominciar.

Lavoro note e giorno
so pronto a far de tuto
ma ti va 'vanti par la to strada»
che giorno dopo giorno
ne pareva che a ogni passo
davanti ai nostri oci la se sciarava.

Picolo sora un treno longo
co me fradeo che varda fora
e mi che quasi no ghe credo
ve vedo rider tuti ancora.

Un rider che me costa tanto
xe tanto un ano solo, là in fondo,
un rider che me cambia el mondo
xe vero che i m'ha fato un altro.

E ancuo che xe passà dei ani
e i ne xe stai la scuola più vera
da ti g'ho imparà che viver
o xe 'na lota o xe miseria.
Sta lota qua ne g'ha cressuo
trovandone co ti, al to fianco;
'sta lota qua ne g'ha servio
a far che i no ne cambia tanto.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org