Language   

L'opportunità

Pupo
Language: Italian


Related Songs

Don’t Speak (I Come to Make a BANG!)
(Eagles of Death Metal)
New Africa
(Youssou N'Dour)
Ti Auguro
(Agnese Ginocchio)


2009
Testo e musica: Pupo e Mogol
Interpretata da Pupo, Paolo Belli e Youssou N'Dour
opportunità

Siamo nel 2009 quando Pupo, Enzo Ghinazzi all'anagrafe, scrive a quattro mani con Giulio Repetti, ovvero Mogol "L'opportunità". Il brano che tratta la problematica dell'immigrazione e spinge alla fratellanza invitando a prendere questa situazione come un'opportunità di interazione fra i popoli del mondo. La canzone, rientrando nei progetti benefici della  "Nazionale Cantanti", ha bisogno di visibilità e viene, così, presentata al 59° Festival di Sanremo. Per l'occasione, Pupo, sceglie di farsi accompagnare da un componente storico della nazionale cantanti come  Paolo Bellie, per agevolare il messaggio di unione delle razze, convoca l'artista senegalese  Youssou N'Dour, celebre nel mondo per la sua "7 seconds". Il brano va in finale e pur non rientrando nel podio del Festival raggiunge l'obiettivo di lanciare quel tipo di messaggio da una vetrina importante come quella del teatro Artiston e viene premiato dalle vendite conquistando il secondo posto nella classifica di "Itunes". A rafforzare la presenza della nazionale cantanti, nella serata dei duetti, partecipa alla canzone anche Gianni Morandi, uno dei fondatori della compagine calcistica a scopo umanitario. Un brano, quindi, contro la discriminazione razziale ed a favore dell'integrazione interpreta da un trio inedito e molto particolare che ha generato simpatia ed ha permesso alla nazionale cantanti di ottenere ulteriori fondi, grazie alle vendite del singolo, per adempiere alle loro ammirevoli campagne umanitarie. La nazionale cantanti è nata nel 1981 da un idea dello stesso Mogol e grazie a Gianni Morandi che è stato il primo a credere in questa operazione. Tra i primi storici componenti troviamo, appunto, Pupo che non ha perso l'occasione, anche dal teatro Ariston, di aiutare la sua squadra rendendosi utile e disponibile alla causa benefica che li vede impeganti da oltre 30 anni.
marcoliberti.it
Caro amico sconosciuto, io mi sento combattuto
tra la voglia di aiutare e i problemi da affrontare
nel cercare la risposta mi smarrisco perché so
quanto vale quanto costa questa volta dirti no.
Io vorrei che in questi giorni cosi pieni di paure
ci stringessimo la mano come fra persone vere
senza rancori o diffidenza lasciando posto alla speranza
che con un briciolo di sole si uniforma ogni colore.
Vivere insieme poi non è impossibile dipenderà da noi
vivere l'essere diversi come un'opportunità benvenuto amico e anche a chi non ha una casa, né un paese
ma solo offese
non esiste un'altra strada alternativa all'umiltà.
Benvenuto qua, benvenuto.
Caro amico sconosciuto, anch'io sono combattuto,
fra il ogno di restare e la voglia di fuggire.
Per tornare nella terra dove io sono cresciuto,
dove il tempo si è fermato, caro amico sconosciuto.
Ogni strada è lastricata d'incertezza e buche fonde
il destino è stato duro, qualche volta anche con noi.
Io non voglio più sfuggire, il tuo sguardo amico caro
e non voglio che il problema sia la chiesa od il denaro.
Vivremo insieme noi, supereremo i mille ostacoli vedrai
vivremo l'essere diversi come un'opportunità,
benvenuto amico e anche a chi,
non ha una casa né un paese, ma solo offese.
Non esiste un'altra strada alternativa all'unità,
benvenuto qua
Vivremo l'essere diversi come un'opportunità.
Benvenuto qua, benvenuto qua.
Benvenuto.

Contributed by Dq82 - 2018/8/31 - 10:38



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org