Lingua   

Una canzone per Santiago

Brigate Poeti Rivoluzionari
Lingua: Italiano



Un uomo non è un sasso
che abbandonato nel fiume
diviene ciottolo, identico ad altri ciottoli,
levigato dalla corrente
e disperso nella memoria dei flutti.

Un uomo non è un pesce
da intrappolare nella rete
che quando lo ammazzi sale a galla
alla mercé degli uccelli rapaci.

Un uomo non è una foglia
che in autunno ingiallisce cade nell’acqua
e di lei non si sa più nulla.

Loro dicono che non ti hanno preso
ma non crediamo alle loro bugie.
Loro dicono che non ti hanno arrestato
ma non crediamo alle loro bugie.
Loro dicono che non ti hanno ammazzato
ma non crediamo alle loro bugie.
Loro dicono che sei un terrorista
ma non crediamo alle loro bugie.
Loro dicono che questa è la vita
ma non crediamo alle loro bugie.
Noi gridiamo: “Sr. Benetton donde está Santiago?”

Santiago è la stella
che brilla alta nel cielo
e ti indica la via maestra.

Santiago è l’albero rigoglioso
che germoglia ad ogni infame tentativo di abbatterlo.

Santiago è la voce libera
che non si può zittire
nel disumano silenzio fascista.

In queste ore
di mistificazioni poliziesche e redenzioni inique,
gli aguzzini sibilano come serpi assassine
e i media sciacallano per qualche spicciolo,
il nome di Santiago
ricama con filo d’oro la parola libertà.

Loro dicono che non ti hanno preso
ma non crediamo alle loro bugie.
Loro dicono che non ti hanno arrestato
ma non crediamo alle loro bugie.
Loro dicono che non ti hanno ammazzato
ma non crediamo alle loro bugie.
Loro dicono che sei un terrorista
ma non crediamo alle loro bugie.
Loro dicono che questa è la vita
ma non crediamo alle loro bugie.
Noi gridiamo: “Sr. Benetton assassino de Santiago!”

Un grande sogno, un grande uomo, è sempre più di quel che è.
Di quello che è.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org