Language   

Büyük insanlık

Nâzım Hikmet


Language: Turkish


Related Songs

Copșa Mică
(Denez Prigent)
Ben içeri düştüğümden beri
(Nâzım Hikmet)
Dünyayı verelim çocuklara
(Nâzım Hikmet)


[1958]
Versi di Nâzım Hikmet
Musica di Zülfü Livaneli, nel suo album del 1979 intitolato “Atlının Türküsü”

Atlının Türküsü
Büyük insanlık gemide güverte yolcusu
tirende üçüncü mevki
şosede yayan
büyük insanlık.

Büyük insanlık sekizinde işe gider
yirmisinde evlenir
kırkında ölür
büyük insanlık.

Ekmek büyük insanlıktan başka herkese yeter
pirinç de öyle
şeker de öyle
kumaş da öyle
kitap da öyle
büyük insanlıktan başka herkese yeter.

Büyük insanlığın toprağında gölge yok
sokağında fener
penceresinde cam
ama umudu var büyük insanlığın
umutsuz yaşanmıyor.

Contributed by Bernart Bartleby - 2018/6/11 - 08:29



Language: English

Traduzione inglese di Talat Sait Halman, da Lyrikline
GREAT HUMANITY

Great humanity sails on ships as deck passengers
rides trains third-class
travels highways on foot

Great humanity goes to work at the age of eight
marries at twenty
dies at forty:
great humanity.

There is enough bread for everyone except great humanity
rice too
same with sugar
and cloth
books as well
there is enough of them for all except great humanity.

There is no shadow on the ground of great humanity
no lamps in its streets
no pane in its windows

But great humanity has its hopes
there can be no life without hope.

Contributed by B.B. - 2018/6/11 - 08:30


Il 3 giugno scorso avrei voluto esprimere la mia tristezza perchè cadeva il cinquantacinquesimo anniversario della morte di Nazim Hikmet. Poi mi ha frenato dal farlo l'idea che la sua poesia nemmeno nei momenti più bui era stata disperata. Così lo faccio solo ora, appositamente in ritardo, proponendo a tutti e in particolare al mio sodale Bernart Bartleby, la poesia "Nazim Hikmet parla all'umanità” che Latif gli dedicò. Latif Halmet (Letîf Helmet) è un poeta dal 1963 (è anche un giornalista) curdo, nato nel 1947 a Kifri, vicino a Kirkuk in Iran, talvolta conosciuto anche semplicemente come Latif, militante indipendentista che pur avendo avuto una vita durissima, non abbandonò mai il Kurdistan irakeno. Un poeta-combattente. Nazim Hikmet è molto amato in tutto il Kurdistan.


“Nazim Hikmet parla all'umanità”

Quando nacqui, il dolore era normale come il vento
e la morte era normale come il sasso e l'ombra.
La gioia, proprio come sigarette e fiammiferi al distributore di benzina, era vietata.

Il silenzio era la medaglia favorita sul petto di poeti codardi.
Le parole erano coltelli puntati alla gola di chi le pronunciava.

Poi giunsi io e appiccai il fuoco alle radici della paura
e seminai le nuvole con semi d'amore nel vento delle stagioni.
Nella terra della fame e della sete, con la mia poesia creai il fiume dei profumi
e maledissi un secolo in cui i poeti sono presi, per paura, nelle trappole dell'oro e del denaro
e gli uccelli sono presi, per fame, in reti e lacci.

Sulle montagne, nelle pianure e nelle valli gridai:
“O mia patria affamata, ti amo e ti amo, eccomi, ad arare questa terra con le mie ciglia
e trasformarla in campi e giardini dove crescono fiori rossi e splendida poesia
per i bambini di un mondo che verrà, un mondo di libertà, pace ed amore.”

Flavio Poltronieri - 2018/6/19 - 19:43


Molto bella, grazie Flavio.

B.B. - 2018/6/20 - 09:41



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org