Language   

Fòrte e gendìle

Lara Molino
Language: Italian (Abruzzese)

List of versions


Related Songs

Lu lupe
(Gasparazzo)
Me tengo recorda' che sci' renata
(Camillo Berardi)
Arawak
(Anemamé)


[2017]

Album : Fòrte e gendìle

forte e gentile


"Leggendo il libro su Nicoletta Zappetti, contadina abruzzese, originaria di Lentella (CH), sono stata colpita dalla sua vita, le sue lotte e ho composto testo e musica di questa canzone.
da A-Rivista Anarchica"
Quest’ è la terra mé, ne vajie fiére
e da ssu colle véde mundàgne e màre.
Belle è lu ciele ma à chiànde de dulóre,
guèrre e misèrie pé sande e peccatóre.

Avésse dàte tùtte, pé cundinuà la scóle,
‘nghí lu zappòne in màne, da cande ere quatràle,
la cocce sembre vasse, passàve lu padróne
e a fìne de jurnate, ‘na frittàte, se ti jàve bbóne.

Fòrte e gendìle, vaje pé lu monne,
cundènde de luttà, d’esse ‘na dònne.
Fòrte e gendìle, come ‘na ginèstre,
je ti chiàme, spanne profùme da la finèstre.

Fòrte e gendìle, vaije pé lu monne,
cundènde de luttà, d’esse ‘na dònne.
Fòrte e gendìle come la lune,
che móve l’onde e la notte t’allùme.

Mezz’a lu frédde, fòre, tra piògge e néve,
tande ére lu scunfòrte e cuscì pregàve.
Mezz’a lu gràne d’óre, jàve e scundàve,
“Oh bella ciao” a lu sóle che m’abbruciàve.

So jùte sembre appéte, nesciùne m’ha purtàte,
‘nzò avùte nu surrìse o ‘na carézze da màmme e tàte.
E se a le fìja mè, caccóse jà mangàte,
n’è stàte che l’amóre che so sembre cercàte!

Fòrte e gendìle, vaje pé lu monne,
cundènde de luttà, d’esse ‘na dònne.
Fòrte e gendìle, come ‘na ginèstre,
je ti chiàme, spanne profùme da la finèstre.
Fòrte e gendìle, vaije pé lu monne,
cundènde de luttà, d’esse ‘na dònne.
Fòrte e gendìle come la lune,
che móve l’onde e la notte t’allùme.

Je te chiàme, je te àme..

Contributed by adriana - 2018/5/5 - 07:52




Language: Italian

Versione italiana dalla pagina You Tube dell'autrice
FORTE E GENTILE

Questa è la mia terra, ne vado fiera,
e da questo colle vedo montagne e mare.
Bello è il cielo, ma ha pianto di dolore,
guerra e miseria per santi e peccatori.

Avrei dato tutto per andare a scuola
ma ho avuto la zappa in mano da quando ero bambina.
La testa sempre bassa, passava il padrone
e alla fine di una giornata di lavoro,
mi davano una frittata se andava bene.

Forte e gentile vado per il mondo,
contenta di lottare, di essere una donna.
Forte e gentile, come una ginestra,
io ti chiamo, spargo profumo dalla finestra.
Forte e gentile vado per il mondo,
contenta di lottare, di essere una donna.
Forte e gentile come la luna,
che muove le onde e la notte ti illumina.

Al freddo, fuori, tra pioggia e neve,
tanto era lo sconforto e così pregavo.
In mezzo al grano dorato, andavo e lavoravo,
cantavo “Oh bella ciao” al sole che mi bruciava.

Sono andata sempre a piedi, nessuno mi ha trasportato
non ho avuto un sorriso o una carezza da mamma e papà.
E se ai miei figli qualcosa è mancato,
non è stato quell’amore che ho sempre cercato.

Forte e gentile vado per il mondo,
contenta di lottare, di essere una donna.
Forte e gentile, come una ginestra,
io ti chiamo, spargo profumo dalla finestra.
Forte e gentile vado per il mondo,
contenta di lottare, di essere una donna.
Forte e gentile come la luna,
che muove le onde e la notte ti illumina.

Io ti chiamo, io ti amo.

2018/5/5 - 07:59




Language: English

Versione inglese dalla pagina You Tube dell'autrice
STRONG AND GENTLE

This is my land of which I am proud,
and from this hill I see the mountains and the sea.
The sky is beautiful, but it cried out in pain,
for the war and misery of saints and sinners.

I would have given anything to go to school
but there I was hoe in hand since childhood
Always with my head down, passing by the master
and at the end of a working day,
I was given an omelet, if luck were to come my way.

Strong and gentle I go around the world,
happy to fight, to be a woman.
Strong and gentle, like a broom,
I call out to you, I scatter fragrance from the window.
Strong and gentle I go around the world,
happy to fight, to be a woman.
Strong and gentle as the moon,
that moves the waves, shedding its light on you at night.

Outside, in the cold, in the rain and snow,
such was my despair that I prayed.
Amid the golden corn I went on working,
I sang "Oh bella ciao" in the scorching sun.
Always on foot, no one ever took me anywhere,
neither a smile nor a caress from mother or father.

2018/5/5 - 08:01


Grazie streguzza, una canzone bellissima come poche...
Ciao!

B.B. - 2018/5/5 - 20:03


Ciao!
befana

adriana - 2018/5/6 - 06:44



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org