Lingua   

Risposta di un cantastorie alle infamie di Trump

Mauro Geraci
Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Lu cantu senza cantu
(Insegnanti di Capo d'Orlando)
La storia di Nonno Giovanni
(Laboratori didattici alla Scuola media statale A. Gramsci di Roma)
Il generale
(Laboratori didattici alla Scuola media statale A. Gramsci di Roma)


[2018]

Versi e musica di Mauro Geraci

Risposta al raffinato e politicamente corretto pensiero di Trump
che ha definito "shithole countries", "paesi di cesso",
quelli poverissimi, "orientali", diversi, spesso vittime dell'imperialismo americano,
da cui provengono migliaia e migliaia di profughi al mondo!
Non spreco parole per tale personaggio. Solo una risposta indignata
Un cessu tu ci si' e cu ti misi
a capu di sta 'Merica sarbaggia
chi chianta ancora supra ogni paisi
la so' bannera chi a lu munnu oltraggia.

Pensa, prima chi grapi a vucca e cachi,
a lu Far West di sangu e bum bum,
pensa Hiroshima, pensa Nagasaki,
si si' cchiù peggiu tu di Kim Jong-un!

inviata da adriana - 22/4/2018 - 12:16



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org