Language   

Cantu luxis

Elena Ledda
Language: Sardinian

List of versions


Related Songs

Torrandi
(Elena Ledda)
Che il Mediterraneo sia
(Eugenio Bennato)
Entula
(Kenze Neke)


(2018)
dall'album Làntias
Testo di Gabriella Ledda
Musica di Marcello Peghin
con Gabriele Mirabassi
lantias

Noi dovremmo vergognarci per quello che succede nel nostro mare. In Italia come in Sardegna o in Sicilia continuano gli sbarchi e noi ci facciamo il bagno senza sapere cosa sta galleggiano sotto di noi. Quando guardiamo queste persone che arrivano da noi, lo facciamo come se tutto questo succedesse sulla luna e non ci riguardasse più di tante. Poi senti, leggi e vedi le polemiche della gente, l’intolleranza. Io non dico che quello che sta accadendo non crei dei problemi, ma al contrario capisco come il mondo spinga da sotto, proprio come spingevamo noi quando siamo emigrati negli Stati Uniti o in Germania. La gente va dove pensa di stare un po’ meglio e noi guardiamo come spettatori. Ci siamo seduti e guardiamo. Recentemente facevo una riflessione su come negli anni Ottanta e Novanta ci fossero moltissimi festival che avevano nel loro nome la parola Mediterraneo.

C’era sempre di mezzo questa parola, era come se fosse di moda ma rimandava in qualche modo alla festa e pensavi alla musica maghrebina, al flamenco, al rebetiko. Oggi, questa parola è scomparsa dai festival e quando dici Mediterraneo e pensi ai morti che galleggiano. E’ un’immagine molto forte ma è come se questa parola facesse paura, come se la volessimo cancellare. In “Cantu Luxis” c’è tutto questo. Noi vogliamo far finta di non vedere, di non sentire, perché lì dentro tutto si confonde con le onde.

Elena Ledda, intervista a Blogfoolk
Cantu luxis cantu boxis
funt acostendi aundi ses tui
Cantu sonus cantu manus
chi t’ant a adobiai ingunis

Tui, strintu a una funi,
t’as a nai ca no ti serbit
prus cussa timoria
E tui, innia, t’as a nai ca gei
s’agàtat Deus finas po is peus

Cantu sorti cantu morti
chi s’amestùrat custu mari
Cantu mali cantu beni
chi no si scit connosci prus

Nosu, atesu s’eus a crei
ca no est cosa nosta cussa suferèntzia
Atesu innoi spetadoris s’eus a intendi
is reis de s’indiferèntzia
E tui innia isciortu de atras leis
t’as a intendi reu in terr’’e clemèntzia

Cantu luxis Cantu boxis
chi si cunfundit custu mari.

2018/4/4 - 22:42



Language: Italian

Traduzione italiana da Sa Scena Sarda
QUANTE LUCI

Quante luci quante voci
si avvicinano ora a te
Quanti suoni quante mani
che ora ti raggiungeranno

Tu, stretto a una corda,
ti dirai che non ti serve
più quella paura
E tu, là, ti dirai che, è vero,
Dio esiste anche per gli ultimi

Quanta sorte quanta morte
che ci mischia questo mare
Quanto male quanto bene
che non si sanno più distinguere

Noi, lontano, penseremo
che non ci appartiene quella sofferenza
Lontano, qui, spettatori ci sentiremo
i re dell’indifferenza
E tu, là sciolto da altre leggi
ti sentirai reo in terra di clemenza

Quante luci quante voci
che ci confonde questo mare

2018/4/4 - 22:46



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org