Lingua   

Ulrike

Erode
Lingua: Italiano




Ulrike Meinhof, donna e rivoluzionaria
Un sorriso incerto e uno sguardo acuto
Chiusa in una cella bianca come il ghiaccio
Senza altro suono che la sua voce roca
Ulrike Meinhof, donna e rivoluzionaria
Democraticamente suicidata in una notte di primavera
La notte tra l'8 e il 9 maggio del 1976
Si apre la porta della cella e nella luce implacabile
Irrompe la macchia scura dei maiali

Certa gente non ama ricordare
Molta gente non vuole capire
Certe cose non si devono pensare
Molte cose non si possono dire

La pietra che ora ti trattiene, Ulrike, non rinchiude i tuoi sogni.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org