Language   

Let the Boots Do the Talking

Oi Polloi
Language: English


Related Songs

Nuclear Waste
(Oi Polloi)
Aggiungi un posto all'ATAC
(La Sora Cesira)
Hands-Off Nicaragua
(Oi Polloi)


[1999]
Brano che dà il titolo ad un EP di questa band anarco-punk scozzese



Canzone antifa piuttosto esplicita, della serie “I fascisti non devono parlare” e peggio…
E non manca una condivisibile giustificazione storica, la “Battaglia di Cable Street” del 4 ottobre 1936 a Londra…

La “Battaglia di Cable Street” avvenne la domenica del 4 ottobre 1936 a Cable Street nell'East End di Londra. Quel giorno decine di migliaia di anti-fascisti (ebrei, socialisti, anarchici e comunisti) cercarono di impedire lo svolgimento di un corteo della British Union of Fascists, il partito fascista britannico capeggiato dal “baronetto” Sir Oswald Ernald Mosley, un ultra-conservatore che durante alcuni viaggi in Italia si era invaghito di Mussolini. Proprio nel 1936 Mosley si era sposato in seconde nozze con la nobildonna Diana Mitford e il matrimonio si era svolto, in gran segreto, nella residenza di Goebbels a Berlino, presente Adolf Hitler. Dal matrimonio con Lady Mitford nascerà, nel 1940, quel Max Mosley che è stato fino allo scorso anno il potente presidente della FIA, la Fédération Internationale de l'Automobile, e che nel 2008 fu filmato mentre si intratteneva in rapporti sado-maso con cinque o sei prostitute travestito da gerarca nazista… talis pater …



Quel 4 ottobre del 1936, Sir Oswald Mosley e i suoi adepti, tutti rigorosamente in uniformi brune, avrebbero voluto marciare proprio nelle strade di Londra dove più alta era la concentrazione di cittadini di fede ebraica. Il corteo era stato autorizzato ed era fortemente presidiato da migliaia di poliziotti, molti a cavallo. Gli anti-fascisti eressero barricate lungo il percorso della marcia e di fatto la bloccarono in Christian Street. Gli scontri con la polizia furono durissimi… i londinesi bersagliavano gli agenti persino dalle finestre delle case… Mosley e i suoi diedero forfait nei pressi di Hyde Park ma gli scontri con la polizia continuarono e se gli arresti non furono molti è perché il numero dei dimostranti anti-fascisti era così soverchiante (circa 300.000) che quelli tratti in arresto venivano subito liberati dall’intervento dei loro compagni…

Passata la tempesta, che per fortuna o per caso non si trasformò in un bagno di sangue, il Parlamento si affrettò ad emanare il Public Order Act con cui si subordinava all’autorizzazione di polizia lo svolgimento di manifestazioni politiche e si vietava in queste di indossare uniformi politiche.
Dopo questa abortita prova di forza, il partito fascista britannico abortì anch’esso in breve tempo, essendo poi sciolto per legge nel 1940.
[fonte: en.wikipedia]
Oi!
A child is burnt to death
By nazis on the street
A man is stabbed and scarred for life
Yet you say they've a right to put their views

What is this liberal rubbish?
Are you some kind of mug?
Don't talk to me of "free speech"
For murdering fascist thugs

We remember Mosley
And how Cable Street folk fought him
When we see the fash
We let the boots do the talking

Some think they'll be halted
By spouting a lot of hot air
Others think you can stop them
By waving a yellow lollipop in the air

But we remember Mosley
And how Cable Street folk fought him
When we see the fash
We let the boots do the talking

Punks and sabs and travellers
And hippies and ravers too
They'd build another Auschwitz
This time for me and you

But we ain't gonna take this
From some bonehead in the "master race"
He won't be mastering anything
With a vegan steelie in his face!

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/11/9 - 12:57



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org