Language   

Tammorriata della valle offesa

Compagnia Daltrocanto
Language: Neapolitan



Nun tenono rispietto né pei femmini né pei maschio
l'occhio annebbiato ru fumo du guadagno
nun tenono scuorno de asciuttà lu stagno

quando la natura izza l'occhio a u cielo
la polvere di rruspe l'ha coperta con un velo
nun ce sta rispietto pei frutti du terrenu
s'ha da fa' chiù spazio c'ha da passa' lu treno

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'

Eddi della valle se difendono dal treno
ma muore 'na terra cantata dai puete
quando splende u sule l'odore la mattina
nun può lascia' sto posto a chill' e la benzina

Lu ioco è sempre 'o stesso fa passa' per delinquente
chi vuò sulamente difendere sta gente
chillu che s'arrende e resiste con curaggio
solo la speranza che tornerà ru maggio

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'

La storia è sempre a stessa in tra vita di sto paese
magnano i padruni e la gente paga e spese
ma tagliono e cuce la valle offesa
padrone statt'accuorto ca sta gente nun s'è arresa

posso chiude gli occhi, sul soldo ch'è rubbato
ma nun mette mano in co' alla terra do so nnato
Fino a quann’avimme rind’o core na speranza,
pe ‘sta terra nostra continuerà la danza

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org