Language   

Crociera Maraviglia

Carlo Valente
Language: Italian


Related Songs

Mi 'nni vaju 'nta la luna
(Ciccio Busacca)
Nel mio vecchio porcile
(Carlo Valente)
Tra l'altro
(Carlo Valente)


2017
Tra l'altro
tra l'altro

Il viaggio della speranza che è costretto ad affrontare chi decide di lasciare il suo paese di nascita alla ricerca di un posto più accogliente e nella maggior parte dei casi non in guerra. “Crociera Maraviglia” descrive proprio uno di questi viaggi; quello di un uomo che dopo aver attraversato il deserto, il mare, dopo essere stato venduto come schiavo in Libia, dopo aver affrontato il freddo, la paura e la vessazione di qualsiasi diritto umano, arriva ad un passo dalla terra promessa. Sbarcare a Lampedusa rimarrà un sogno mai realizzato. Ingoiato dal mare, morto, con tanti altri viaggiatori delle tante crociere dell’orrore. La sua fine, che si mischia a tante storie con lo stesso epilogo, non servirà comunque a svegliare le coscienze sopite, l’indifferenza, sia istituzionale che umana.
E che riparta ancora e come una bottiglia
che abbia inizio ‘sta Crociera Maraviglia,
la mia valigia un mucchio di vestiti addosso, che novità!
Avremo il grande mare dalla nostra parte
e questo “visto” garantito dalla sorte
ci rassicura infondo, L’Europa il nuovo mondo da conquistar.

Pirati di frontiera senza addosso un nome
“Colonialisti di nuova generazione”;
non vedi la speranza? C’è chi perfino a nuoto se la fa!
Niente disperazione, se la bufera arriva
abbiamo altre sette vite nella stiva.
Chi torna indietro è perso e darsi per disperso non servirà.

Va…
Altro che Nina, altro che Pinta, Santa Maria prega per noi.
Di partire ho bisogno, non chiamatelo sogno
perché voglio restar.

E che riparta ancora e come una bottiglia,
quanto costa ‘sta Crociera Maraviglia?
Che poi la morte infondo è il prezzo meno caro da pagar.
Spendono miliardi per non farmi entrare
il giorno dopo poi mi vengono a cercare:
è un lavoro sporco ma qualcuno lo dovrà pur far.

Un giorno ormai vicino invertiremo i ruoli
verrete giù Popolo di Navigatori.
La rotta è sempre quella, il marchio da migrante l’avete già.

Contributed by dq82 - 2017/6/21 - 15:49



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org