Language   

Factory

Wall of Voodoo
Language: English

List of versions


Related Songs

Sulu
(Mario Venuti)
Nostra Signora delle Coperte Isotermiche
(Giacomo Sferlazzo)


[1982]
Parole di Stan Ridgway
Musica dei Wall of Voodoo (Joe Nanini, Chas T. Gray, Stan Ridgway, Marc Moreland)
Nell'album intitolato “Call of the West”, lo stesso della hit “Mexican Radio” che quell'anno le radio mettevano a palla.

Call of the West
Wall of Voodoo
Now, I know I had something to say
But the problem is, to say something
Uh, you’ve got to say it
And I still don’t remember a thing
Since the funny gas come out of that pipe next to me
I guess they didn’t okay it
Now I remember did I tell ya? cut my thumb off
At the knuckle on a broken band saw
Didn’t see the belt buckle or the blade slip
And I remember when the doctor did it up with a stitch
Funny thing, still got a scratch that I can’t itch
Where my thumb was

Well, I’ve brought the same piece of chicken in a bag
To work every day for the last twenty years or so
And I really don’t mind, work assembly line
Got an intercom blastin’ the news and the latest on the baseball scores
Come around every Friday, well, I get a paycheck
Take the same road home that I come to work on
Heck, it’s a living

And I’ve got another factory back home
I’ve got a barbecue, pink Mustang, fenders chrome
And at nine o’clock I sit there in my chair
And I don’t know why I lose my hair
And then I go to…
And then I go to…
And then I go to sleep

Well, I like to know what I’m doin’ when I do it
And I do what I’m doin’ ’cause I don’t know what to do
When I’m not doin’ it
Sometimes I remember as a boy my father told me
I could grow up To be anything I wanted
Anything
And every day at lunch I still look for my lost digit
still got that funny scratch
So maybe when I find it I can itch it
And I got a little rubber pool in the backyard
For the kids to wade in
And I? I? I… I, I, I.

I’ve got another factory back home
I got a little backyard, pink Mustang, fenders chrome
At nine o’clock I’m in my chair sat down
Just lately, when my wife talks back to me I slap ‘er around
And then I go to…
And then I go to…
And then I go to sleep
Whoah-oh-oh-oh

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/5/12 - 17:02



Language: Italian

FABBRICA

So che avevo qualcosa da dire
Ma il problema è dire qualcosa
Oh, la devi dire!
Ma ancora non ricordo nulla
Da quando quello strano gas uscì da quel tubo accanto a me
Credo che non l’abbiano ancora sistemato
Ora ricordo, te l’ho detto?
Mi sono tranciato il pollice nella cerniera della sega a nastro rotta
Non avevo visto la fibbia della cinghia o lo slittamento della lama
E ricordo quando il dottore mi ha messo i punti
Questa è buffa, ho ancora una cicatrice che non riesco a grattare
Dove c’era il pollice

Ho portato al lavoro lo stesso pezzo di pollo dentro un sacchetto
Ogni giorno
Per gli ultimi vent’anni o giù di lì
Per me non è un problema lavorare alla catena di montaggio
Ho un citofono che mi spara le notizie e le ultime sui risultati del baseball
Ogni venerdì, beh, mi danno la busta paga
Torno a casa per la stessa strada che ho fatto per andare a lavorare
Diamine, si campa!

E a casa ho un’altra fabbrica
Ho un barbecue, una Mustang rosa con paraurti cromati
E alle nove mi siedo sulla mia sedia
E non so perché mi cadono i capelli
E poi vado a letto

Beh, mi piace sapere cosa faccio quando lo faccio
E faccio quello che faccio perché non so cosa fare quando non lo faccio
A volte ricordo che da ragazzo mio padre mi disse
Che da grande sarei potuto diventare qualsiasi cosa avessi davvero voluto essere
Qualsiasi cosa
E ogni giorno a pranzo cerco ancora il mio dito perduto
ho ancora quello strano graffio, così forse quando lo trovo posso grattarlo
Ho una piccola piscina di gomma nel cortile di casa
Per i bambini che ci fanno il bagno

E io?

Io a casa ho un’altra fabbrica
Ho un piccolo cortile, una Mustang rosa con paraurti cromati
Alle nove sono sulla mia sedia, seduto
Ultimamente quando mia moglie mi risponde male
La prendo a schiaffi
E poi vado a letto

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/5/12 - 17:03



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org