Language   

D'nanz na mànn

Corale Nuova Provenza
Language: Romance (Other) (Francoprovenzale Daunio / Daunian Franco-Provençal)

List of versions


Related Songs

Ciant' d' lo spatrià
(Corale Nuova Provenza)
Balkan trip
(Stefano Saletti & Piccola Banda Ikona)


A Faeto, in provincia di Foggia, un paesino con poco più di 600 abitanti, vent'anni dopo la morte di Federico II, avvenuta nel 1250, gli Angioini inviarono un corpo di cavalieri scelti per annientare l'ultimo drappello di soldati saraceni fedeli all'imperatore svevo. Così nacquero Faeto e Celle di San Vito, dove ancora oggi giovani e anziani parlano la lingua di quei cavalieri: il franco-provenzale. Faeto e Celle di San Vito rappresentano aree linguistiche molto particolari perché la lingua che si parla non è semplice francese, ma il francese che si parlava ottocento anni fa. Molte associazioni attive sul territorio cercano di preservare l'utilizzo del franco-provenzale. E da qualche anno anche la Provincia ha istituito anche uno sportello per la salvaguardia della lingua, favorendo la pubblicazione di libri in lingua e invitando studiosi da tutto il mondo.

Repubblica.it
"Indifferenza", "Egoismo", Violenza"
ch d stō tčnn s' sėnt tan parlā,
o sunt parol ch dir faitar s putunt pā
e p'ssų d'ghičnn u paije nnōt
iaranta pā maia stā.
Sųl a nuss unta pā p'nsā,
d'lo cunt nnōt sunta pā scurdā,
ma f'r'manz na zich a p'nzā a chi i pattaij
a chi glič sul o abbandunā.
D'nanz na mānn p'cchč accussė
mancunn et meije sųl nč tė e nč gė.
Aiutann lo sāt, migliaųe tčst tė
fa pā d'mānn s't'lu pųou fā avė.
T' sbaglj pā a p'nsā
a la fōrz d nā mānn a d'nā
a un surrėr ch t pųou pā niā,
lu pr'mmije pā i tocc a tė a lu fā
e ch u post d'avair et migliaųe a d'nā.
S d'ghienn lo cuor nōt aiatt su stiā,
d pac e s'r'n'tā u paije nōt s'camp'rā.
D'nanz na mānn p'cchč accussė
l g'n'ranziunn s' sn'tunt mčije unė,
a lo giōn l spranz i sunt aff'dā
p fā ch lu d'mānn migliaųe i s'rā.

Contributed by dq82 - 2017/3/26 - 18:23



Language: Italian

Traduzione in italiano dal sito della Corale
"Indifferenza", "Egoismo", Violenza"
di cui si sente tento parlare in questi giorni
sono parole che non si possono pronunciare in Faetano
e perciò nel nostro paese
non dovrebbero mai esistere.
Non dobbiamo pensare solo a noi,
non dobbiamo dimenticarci delle nostre vicende,
ma fermiamoci un momento a pensare a chi soffre
a chi č solo o abbandonato.
Diamoci una mano perché in questo modo
nessuno resta più da solo ne io e ne te.
Aiutiamo gli altri, meglio stai tu
non farlo domani se puoi farlo oggi.
Non sbagli a pensare
a la forza (che ha) il dare una mano
a un sorriso che non puoi negare,
il primo passo tocca a te farlo
e che al posto di avere č meglio dare.
Se nel nostro cuore č custodito (tutto)questo,
nel nostro paese si vivrebbe in pace e serenità.
Diamoci la mano perché in questo modo
le generazioni si sentono amalgamate meglio,
ai giovani sono affidate le speranze
di un domani migliore.

Contributed by dq82 - 2017/3/26 - 18:23


Riguardo alla lingua usata dalla Corale si veda questo sito

dq82 - 2017/3/26 - 18:26



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org