Lingua   

Don Matteo

Malnàtt
Lingua: Italiano



Il mio orecchio è quello di Dio,
nei miei occhi solo sante visioni,
nelle mani ho l'assoluzione,
nelle mani ho una parte di te.
Nell'oscurità del confessionale
i tuoi segreti diventano miei,
i tuoi peccati sono la luce
nelle tenebre dentro di me.

Lasciate i fanciulli che vengano a me,
lasciate che io venga sui fanciulli.
Lasciate i fanciulli che vengano a me,
lasciate che io venga nei fanciulli.

Sei il fiore della giovinezza
e adesso io vorrei coglierti,
chiudi la mano sul mio gambo
apri i petali per accogliermi.
Inginocchiati sotto alla panca:
ti renderò una voce bianca,
il nostro amore è una malattia
chiamala se vuoi pederastia.

Lasciate i fanciulli che vengano a me,
lasciate che io venga sui fanciulli.
Lasciate i fanciulli che vengano a me,
lasciate che io venga nei fanciulli.
Don Matteo!

Lasciate i fanciulli che vengano a me,
lasciate che io venga sui fanciulli.
Lasciate i fanciulli che vengano a me,
lasciate che io venga nei fanciulli.
Cum'on!


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org