Lingua   

A un poeta, dolcissimo

Manlio Massole
Lingua: Italiano



Mi ammalia un dolcissimo poeta
(pur grande pur grande poeta)
che scrive sottilissimi sensi.
Ma io sono sceso nel più profondo del pozzo,
conosco la fronte più lontana
e ho respirato la sua aria morta
e questo devo dire.
Non importa
se non sono poeta
e non canto dolcemente
colore di mare
o profumo di bosco.
Come faccio
se l’acqua si fa fango
in galleria
e il bosco
son tanti alberi uccisi
che sostengono la corona e le pareti
e puzzano di marcio,
come noi a fine giornata?
Dolce poeta che canti sotto il cielo,
prendi la gabbia con noi
o impiccati, inutile come sei.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org