Language   

Truth about

Anonimo Toscano del XXI secolo
Language: Italian (Laziale Romanesco)


Related Songs

Hands
(UWCers)
Oggi hanno firmato
(Ned Ludd)
Viva la libbertà! (o Der libbero pensiero)
(Armando Trovajoli)


atxxi
3 febbraio 2017
Da cantarsi con accento romanesco
(vero o finto che sia)
sull'aria di Lella
di Edoardo De Angelis (1971)
(interpretata da Lando Fiorini)

In questa canzoncina, détournement di un celebre successo romanesco di qualche anno fa dove er protagonista svela di avere avuto una relazione con la moje de Projetti er cravattaro, se parla della misteriosa morte sotto tortura di un giovane ricercatore italiano, avvenuta circa un anno fa in Eggitto, e de ben artre relazzioni che intercorrono tra er governo italiano e quello eggizziano.

reglatuff


Se pregherebbe de legge attentamente anche questo

Articolo de Lorenzo Declich
(pubblicato da Giap - Wu Ming Foundation)


ar quale la canzoncina deve non poco pur nella sua palese semplificazione.

Se dovrebbe immagginà che a parlà è un alto membro dello stato italiano, forse addirittura er presidente der consijo.

renzisi
Te lo ricordi gGiulio er friulano,
Se vedeva la foto cor su gatto,
Quello che faceva er ricercatore
Te lo ricordi quanno l'hanno preso
Un anno fa e nun ce volevi crede
Che nun sarebbe mai più ritornato
Te lo ricordi sì ch'era sparito
E poi che l'hanno ritrovato morto
Ammazzato de botte e torturato,
Er tipico assassinio dello stato.

E te lo vojo dì che è stato Ar Sisi,
Che te credevi te, che era un segreto,
E te le vojo dì, ma nun lo fà sapè,
Ciò da esportà le armi, tièttelo pe' te.

Je piaceva annà in giro a fà domanne
Ar Cairo e indagà su la corruzzione,
E stava pe' scoperchià un ber pentolone
De merda de sottobbanco e collusione.
E poi er depistaggio che nun sta ritto
E che nun viene sortanto dall'Eggitto,
E li cartelli e le manifestazzioni
Bbone pe' contentà quattro cojoni,
Pe' contentà 'sti quattro mammalucchi,
Come avemo fatto pe' Stefano Cucchi.

E te lo vojo dì che è stato Ar Sisi,
Che te credevi te, che era un segreto,
E te lo vojo dì, ma nun lo fà sapè,
Ciò da firmà i contratti, tièttelo pe' te.

Tu nun ce crederai ma nun se tocca
Er Pinoscè d'Eggitto e la su' cricca,
Ce stanno li rapporti commerciali
E le questioni internazzionali.
Studiava su troppe cose sociali,
E studià troppo 'ste cose nun se pò,
Eppoi nun era li nostrimarò,
Eppoi se l'è cercata armeno un po',
Me spiace ma nun doveva ficcà er becco
In cose dove ce resti morto secco.

E te lo vojo dì che è stato Ar Sisi,
Che te credevi te, che era un segreto,
E te lo vojo sì, ma nun lo fa sapè,
Ciò da venne ll'aerei, tièttelo pe' te.

reggatto

2017/2/3 - 20:32



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org