Lingua   

Corpo di guerra (1) (Madre Severa)

Ginevra Di Marco
Lingua: Italiano



Non è giusto che le cose durino così a lungo
pensò guardando il disertore che non voleva cadere

Il chiarore asciutto del sottoponte era quasi accogliente
quel corpo si agitava era la primavera o i colpi sotto la pelle

Madre severa
ci veglia la memoria
ci consegna intatti
alla nostra storia

Immaginò i millenni e i popoli e avertiva un dolce languore
come a scorrere nelle sue vene fosse la materia delle stelle

Madre severa
ci veglia la memoria
ci consegna intatti
alla nostra storia

Padre ricordo che anche tu facevi fatica a stare in piedi
padre ricordo che anche tu facevi fatica a stare in piedi....


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org