Lingua   

Lettera a Nicoli

Canta u Populu Corsu
Lingua: Corso



Eramu in lu quaranta tre
U focu era universale
Arriti s'eranu tant'omi
Daret'a la fiama nustrale
Rispundendu a la to chjama
Cu lu Fronte Naziunale.

Tutt'ognunu s'era addunitu
Contr'a quel'indegnu macellu
Piu di un giuvanottu arditu
E donne, i vechji e li zitelli
Sottu a la bandera libera
Quella di li corsi ribelli.

Di a liberta di u mondu
Ne fusti un bellu sullatu
Contr'a e milizie fascite
S'he spentu fieru lu to fiatu
Quand'una matina d'aostu
Tu morsi degnu e rivultatu.

Da e cime valle a e piane
Chjuccavanu tante ciccone
A rivolta fu pruclamata
Intornu a lu vechju fucone
E in un frombu di fucile
Fu salvata a vechja Nazione.

Eu quandu vegu l'inghjustizia
Cum'elli a ci volenu impone
Quantu mi pare sempre viva
Quella lettera testimone
Che tu c'hai lasciatu un ghjornu
In lu fondu di a to prigione.

Oghje u to populu he sempre in lotta
Per una causa universale
He sempre rittu u to figliolu
Rossa he la fiama nustrale
Chi schjarisce la strada nova
Di u Fronte Naziunale


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org