Language   

Attraverso l'acqua

Enzo Avitabile
Languages: Neapolitan, Italian



Pecché m’addimane si songo italiano,
si songo ‘e ll’Euròpa o songo africàno?
Si parlo cu ‘a vocca, respìro cu ‘o naso,
si tengo ‘na mamma, chi Ddio m’ha criàto.
Lampidusa, scùmma, vàrca, attraviérzo acqua…
Lampidusa terra ‘e miézo, sperànza…

Sono un palo di legno piantato nel mare,
un peso specifico da sollevare.
Sono qui per la cinta dei pantaloni,
per la mano che acchiappa, per la schiena che scappa.
Ogni creatura è un’isola davanti al mare,
ogni creatura è un’isola nel mare.

Aràpeme ‘a porta, aràpeme ‘o core,
cómm’ io farrìa a te, nùn me dicere no.
Sono un’immagine sacra, sono un angelo negro,
la fine di un vicolo cieco.
Sono la scarpa che vola, il gasolio che scivola,
un posto d’aggiungere a tavola.

Lampidusa, scùmma, vàrca, attraviérzo acqua…
Lampidusa terra ‘e miézo, sperànza…

Sono qui per la sete e la fame.
Sono stato un guerriero e un falegname.
Sulla spiaggia mi poso come un pezzo di pane,
una goccia di resina o un grano di sale.
Ogni creatura è un’isola davanti al mare,
ogni creatura è un’isola nel mare.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org