Language   

Me ritourn

Angelo Brofferio
Language: Italian (Piemontese)


Related Songs

Sciur padrun da li beli braghi bianchi
(Giovanna Daffini)
Quando qualcuno va fuori schema
(Gipo Farassino)
Les Bambous
(Maurice Dulac)


[Torino, 25 dicembre 1846]
Parole e musica di Angelo Brofferio
Nella raccolta “Nuove canzoni piemontesi”, pubblicata per la prima volta nel 1855 e poi in molte edizioni successive.
Interpretata da Gipo Farassino nell’album “Guarda che bianca lun-a. Gipo Canta Brofferio” pubblicato nel 1974.

Canzoni piemontesiGuarda che bianca lun-a

Angelo Brofferio (1802-1866), originario di Asti, è stato poeta ed esponente politico della sinistra nel Parlamento subalpino. Fu anticonformista, antimonarchico e anticlericale e, fra i vari anti-, si oppose pure al coinvolgimento nelle guerra di Crimea.
Nel 1831 Brofferio fu arrestato e incarcerato per via della sua adesione alla carboneria e alla società segreta massonica dei Franchi Muratori. Quindici anni dopo venne nuovamente imprigionato per “sospetta cospirazione”. Erano gli anni in cui cominciava a sbocciare la Primavera dei Popoli, esplosa poi con fragore nel 1848.
Bondì, care muraje,
teile d’aragn, bondì,
veddve ch’i son tornaje?
Guardeme tourna sì.

J’eu sempre penssà a voui
o gloriosissim froui!

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Oh quante volte, oh quante
I v’eu parlave, o trav!
I v’eu sognave, o sante
criche, oh beate ciav!

Ah! i veddo ant un canton
me nom scrit con d’carbon.

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Na riga rascià mesa
I sciairo un po’ pi ‘n là
E smiilo nen ch’as lesa
Viva la libertà?...

As ved ch’j’era un gran dot,
- Evviva j’agnolot!

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Sul nas dla Polissia,
la musa del Piemont
l’è propi sì ch’a vnia
a caresseme ‘l front.

I sento ancor j’osei
besbiè me ritornei.

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Lo ricordeve ancoura?
(Combinassion fatal!)
A l’era Pasqua aloura
e adess a l’è Natal.

Nossgnor a meuir, a nass,
e am lassa mi ant’i strass?

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Per pi nen vnive a vedde,
povre muraje plà,
quanti a son fasse credde
ribenedì dai frà!

Ma mi, per pieuva e soul,
mi son stait sempre coul.

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Da dop ch’i v’eu chitave
(son quindes ani tost!)
a s’è piantassne d’fave,
a s’è scaodassne d’rost.

Ma lo ch’a l’à tnù bon
it ses mach ti, o person!

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Na manchlo d’maravìe:
d’congress, d’associassion,
d’ricover, d’lotarie,
d’medaje, d’medajon?...

Tuti famous decot,
ch’a spusso d’moufa d’crot.

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Dle neuve teorie
ch’a illustro Doira e Po,
a l’è da couste grie
ch’as ved ben ‘l drapò.

Da sì coum a l’è bel
el soul d’Piassa Castel!

Bondì, bondì, bondì,
Guardeme tourna sì.

Contributed by Bernart Bartleby - 2016/10/19 - 08:40



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org