Language   

Kometen-song

Jura Soyfer
Language: German

List of versions


Related Songs

Reformiertes deutsches Kirchenlied
(Jura Soyfer)
Schlaflied für ein Ungebornes
(Jura Soyfer)
Song des Guck
(Jura Soyfer)


[1936]
Canzone che chiude il dramma “Der Weltuntergang, oder, Die Welt steht auf kein' Fall mehr lang”, esordio letterario di Jura Soyfer (1912-1939), di famiglia ebraica originaria di Charkiv (Impero russo, oggi in Ucraiana), giornalista e scrittore, viennese d'adozione.
Ispirata al couplet “Kometenlied” della farsa viennese “Der böse Geist Lumpacivagabundus, oder Das liederliche Kleeblatt”, di Johann Nestroy, 1833



“Per ristabilire l’equilibrio dell’Universo, il Sole e gli altri pianeti decidono di liberare la Terra dai fastidiosi pidocchi che la stanno pian piano uccidendo, gli uomini, e per farlo le lanciano contro una cometa. Come reagiranno gli uomini alla notizia che stanno per essere annientati? Come si prepareranno alla fine del mondo? Jura Soyfer, autore austriaco tra i più rappresentativi della sua generazione, prematuramente scomparso, a ventisei anni, in un campo si sterminio nazista, ci regala un testo ironico, la crudele fotografia di un mondo che si avvia allegramente verso la catastrofe, fra egoismo, individualismo sfrenato, disprezzo per la natura e per gli esseri viventi. Una commedia divertentissima e folle sulla pazzia del genere umano.”
(Sinossi dal sito del Teatro Stabile dell'Umbria)



Jura Soyfer venne arrestato a Vienna una prima volta nel 1937, con l'accusa di essere un simpatizzante comunista. Gli vennero sequestrati tutti i suoi manoscritti, molti dei quali ancora inediti, che non vennero mai più ritrovati. All'inizio dell'anno seguente fu rilasciato grazie ad un indulto per i prigionieri politici, ma poco dopo fu l'“Anschluss”, l'annessione dell'Austria alla Germania nazista... Jura Soyfer venne arrestato dalle guardie di frontiera mentre tentava di raggiungere la Svizzera. Fu internato a Dachau, dove insieme ad Herbert Zipper compose il Dachaulied. Nel settembre del 1938 fu trasferito a Buchenwald, dove fece parte del comitato clandestino di resistenza e dove scrisse ancora alcuni testi teatrali. E a Buchenwald Jura Soyfer morì di tifo il 16 febbraio del 1939, ucciso dalla stupidità e dalla crudeltà degli uomini così bene descritta proprio nella sua “La fine del mondo”.
Denn nahe, viel näher, als ihr es begreift
Hab ich die Erde gesehn.
Ich sah sie von goldenen Saaten umreift,
Vom Schatten des Bombenflugzeugs gestreift
Und erfüllt von Maschinengedröhn.
Ich sah sie von Radiosendern bespickt;
Die warfen Wellen von Lüge und Haß.
Ich sah sie verlaust, verarmt – und beglückt
Mit Reichtum ohne Maß.

Voll Hunger und voll Brot ist diese Erde,
Voll Leben und voll Tod ist diese Erde,
In Armut und in Reichtum grenzenlos.
Gesegnet und verdammt ist diese Erde,
Von Schönheit hell umflammt ist diese Erde,
Und ihre Zukunft ist herrlich und groß.

Denn nahe, viel näher, als ihr es begreift,
Steht diese Zukunft bevor.
Ich sah, wie sie zwischen den Saaten schon reift,
Die Schatten vom Antlitz der Erde schon streift
Und greift zu den Sternen empor.
Ich weiß, daß von Sender zu Sender bald fliegt
Die Nachricht vom Tag, da die Erde genas.
Dann schwelgt diese Erde, erlöst und beglückt,
In Reichtum ohne Maß.

Voll Hunger und voll Brot ist diese Erde,
Voll Leben und voll Tod ist diese Erde,
In Armut und in Reichtum grenzenlos.
Gesegnet und verdammt ist diese Erde,
Von Schönheit hell umflammt ist diese Erde,
Und ihre Zukunft ist herrlich und groß!

Contributed by Bernart Bartleby - 2016/9/17 - 17:08



Language: Italian

Traduzione italiana di Laura Masi, da "Jura Soyfer, Teatro. Vol I" (contiene: "La fine del mondo" - "Edi Lechner guarda in Paradiso" - "Astoria"), a cura di Hermann Dorowin (edizione con testo originale a fronte), Morlacchi editore, Perugia, 2011.
CANZONE DELLA COMETA

Perché vicina, assai più vicina, di quanto potete capire,
Ho visto la terra.
La vidi cerchiata di messi dorate,
Sfiorata dall'ombra del bombardiere
E assordata dal rombo delle macchine.
La vidi disseminata di stazioni radio
Che versavano onde di bugie e d'odio.
La vidi infestata e impoverita... e felice
Per ricchezze smisurate.

Piena di fame e di pane è questa terra,
Piena di vita e di morte è questa terra,
Senza limiti nella povertà e nella ricchezza.
Benedetta e dannata è questa terra,
Di bellezza accesa è questa terra,
E il suo futuro è grande e meraviglioso.

Perché vicino, più vicino di quanto potete capire,
Incombe questo futuro.
Vidi come matura già fra le messi,
Come sfiora già le ombre del volto terrestre
E mira in alto verso le stelle,
Io so che presto di stazione in stazione volerà
La notizia del giorno che la terra guarita vedrà.
Allora questa terra godrà, redenta e felice,
Di una ricchezza infinita.

Piena di fame e di pane è questa terra,
Piena di vita e di morte è questa terra,
Senza limiti nella povertà e nella ricchezza.
Benedetta e dannata è questa terra,
Di bellezza accesa è questa terra,
E il suo futuro è grande e meraviglioso.

Contributed by B.B. - 2020/5/6 - 21:25



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org