Language   

‘N ciumi di genti

Sciroccu
Language: Sicilian

List of versions


Related Songs

Marinera del regreso
(Ángel Parra)
Addio a Lugano
(Pietro Gori)


[2001]
Parole e musica di Raimondo Minardi
Nell’album intitolato “Tra cielu e mari”
Testo trovato su Cultura siciliana, il sito curato da Nicolò La Perna. (La prima strofa, mancante, è stata trascritta all’ascolto da Bernart Bartleby)

Tra cielu e mari

“Un fiume di gente, a testa bassa, scorre lentamente davanti ai soldati...”

‘N ciumi di genti cui testi calati
scurri a rilentu davanti ai surdati.

‘N ciumi di genti cu l'occhi spirtati
facci cunfusi, famigghi spirduti.

‘N ciumi di genti ca ventu trascina
ciusci di robbi cugghiuti a matina.

Genti che si vota darreri
a taliari li casi della vita di jeri.

Friddu ca stocca li jammi
caminari circannu n'autra vita davanti.

Notti ca nun ponnu passari
pi tutti ddi genti ca nun ponu durmiri.

Focu pi cuarisi i mani
spiranza di paci 'n paisi luntanu.

Suli ca nasci a livanti e mori a punenti
duna luci a ssi genti.

Luna, spiranza di luci, ca di sopra ni vidi
dinni unni è l'amuri.

Ventu ca veni luntanu
danni na manu a viviri cca.

Mari, nun ti firmari
porta l'amuri a cu nun sapi campari.

Contributed by Bernart Bartleby - 2016/5/25 - 22:06



Language: Italian

Traduzione italiana da Cultura siciliana, il sito curato da Nicolò La Perna. (Con alcuni limitati interventi di Bernart Bartleby)
UN FIUME DI GENTE

Un fiume di gente, a testa bassa
scorre lentamente davanti ai soldati.

Un fiume di gente con gli occhi spiritati
facce confuse, famiglie sperdute.

Un fiume di gente che il vento trascina
fruscii di vestiti raccolti al mattino.

Gente che si volta indietro
a guardare le case della vita di ieri.

Freddo che rompe le gambe
camminare cercando un'altra vita davanti.

Notti che non possono passare
per tutta quella gente che non può dormire.

Fuoco per riscaldarsi le mani
speranza di pace in un paese lontano.

Sole che nasci a levante e muori a ponente
dai luce a queste persone.

Luna, speranza di luce, che di sopra ci guardi
dicci dov'è l'amore.

Vento che vieni di lontano
dacci una mano a vivere qui.

Mare, non ti fermare
porta l'amore a chi non riesce a sopravvivere.

Contributed by Bernart Bartleby - 2016/5/25 - 22:07



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org