Language   

Bellemilia

Falce e Vinello (FEV)
Language: Italian (emiliano)

List of versions


Related Songs

Dammi un bacio
(Nomadi)
Trema la terra
(Lucilla Galeazzi)
Su, all'aquilani vada il capitale...
(Anna Barile)


Testo di Luca Taddia
Musica di Luca Caselli
Bellemilia

«Ho scritto il testo in una notte dei primi giorni di giugno – ha raccontato Taddia -. Erano forse le due e mi trovavo nella tenda che avevamo montato in giardino dopo le prime scosse. L’ho scritta di getto: una lettera alla nostra terra. Le parole fluivano spontanee e la musica mi risuonava già in testa».
Dalla tragedia del terremoto del 2012, con la forza che sanno avere gli Emiliani, sono germogliati come fiori, un brano e un diario, diventato il libro "Bellemilia. Tra le pietre un fiore" il cui ricavato è stato devoluto ad un Associazione onlus.
Il brano è stato ripreso da Gianni Morandi.
Bellemilia è la mia terra
la mia terra tormentata
di campagne desolate
prese a prestito e lasciate

Bellemilia di buon vino
vecchie sedi di partito
con le carte sempre in mano
e una fòla piano piano (favola)

Bellemilia guardie e ladri
campanili a campi arati
una falce ed un martello
ed un santo sul cruscotto

bellemilia c'la sira csamet cumbinè
lè stè un quarantott ...as sen caghe adoss
al to braza stavolta i san stritulè
nà meder clá peccia i sò putein

bellemilia stavolta tè propria sbagliè
perché tanta rabia dim tè cus lè stè
guardas in faza la pora in ti ucc
stanott accarezza i noster vicc

Bellemilia senza veli
mille chiese e campanili
con le feste dell'Unità
con la voglia di libertà

Bellemilia di maiali
da mangiare per le feste
con le rughe sulle mani
con i fiori nei cortili

bellemilia quella sera cos'hai combinato
hai fatto un casino che ce la siamo fatta sotto
le tue braccia questa volta ci hanno stritolato
come una madre che picchia i suoi bambini

bellemilia questa volta hai proprio sbagliato
perché tanta rabbia ? Perchè cosa è stato?
Guardaci in faccia la paura negli occhi
stanotte accarezza i nostri vecchi

Bellemilia è un valzer lento
con la mano sopra al culo
da domani si riparte

Contributed by Luciana Monaci - 2016/5/12 - 14:39



Language: Italian (emiliano)

Versione cantata da Gianni Morandi
Bisogna vivere (2013)
vivere
feat. coro della chiesa di Poggio Renatico

BELLEMILIA

BellEmilia è la mia terra
la mia terra tormentata
di campagne desolate
prese a prestito e lasciate

BellEmilia di buon vino
con un fazzoletto rosso
vecchie sedi di partito
e il santino sul cruscotto

BellEmilia di canzoni
di motori e di balere
Amarcord* e Va pensiero
e uno sguardo verso il cielo

BellEmilia ch'la sira ch'sam et cumbinè?
L'è sté un quarantot
A s'è cascé¡ al mond adòs
Al to braza stavolta al sèn stritulé
Na'meder c'la peccia el su fangein

BellEmilia ch'la sira t'é propri sbaglié
Parchè tanta rabia? Parchè, cus e sté?
Guardés in faza la pora in ti uc
Stanot'accarezza i nuster vic

BellEmilia a braccia aperte
bella donna di riviera
e l'inverno nella nebbia
che si taglia col coltello

BellEmilia che una notte
ci hai spaccato di paura
quanta rabbia e quante botte
poi lo sguardo verso il cielo

BellEmilia ch'la sira t'é propri sbaglié
Parchè tanta rabia? Parchè, cus e sté?
Guardés in faza la pora in ti uc
Stanot'accarezza i nuster vic

BellEmilia ch'la sira t'é propri sbaglié
Parchè tanta rabia? Parchè, cus e sté?
Guardés in faza la pora in ti uc
Stanot'accarezza i nuster vic

BellEmilia è un valzer lento
Con la mano sul sedere
Da domani si riparte
Questa è gente
Sempre forte

Contributed by Dq82 - 2020/1/15 - 13:32



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org