Lingua   

La dittatura degli anestesisti

La Colpa
Lingua: Italiano



C'ero io da solo sempre col cerino in mano
Gli altri intorno per soffiare via le notti
C'era chi parlava di una cosa sola
E poi si nascondeva tra le righe dell'inchiostro
Chi l'ha scritto in fronte e chi non riesce
A metter via gli insulti per gli altri erano niente
e quando siamo stati gli unici a ricominciare
Gli altri in spiaggia erano pronti per scavare.

C'eravamo noi c'eravate voi c'erano i fucili

C'e' chi crolla sotto i colpi dell'estate.
Chi respira con la testa nella sabbi
resta in piedi per contar le sedie vuote.
Si lamenta dei polimeri nel sangue.
Siamo i primi a uscire senta scorta.
Gli altri intorno si sono persi nei congressi.

C'eravamo noi c'eravate voi c'erano i fucili

E tutte le speranze nei fiumi d'inchiostro
A che non mi resti addosso niente di questi giorni
Fa che salga il gas dalle colline.
Anestesisti fra i banchi di scuola
Camici bianchi raccolgono i nostri vecchi
Dalle cime delle copertine come cecchini iugoslavi
E tutte le speranze nei fiumi d'inchiostro
Non abbandonarmi facciamo i turni
Anche quando sarai da solo a scaldarti

C'eravamo noi ceravate voi cerano i fucili


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org