Language   

Ballata triste

Nada
Language: Italian



(2015)
Dal disco "L’amore devi seguirlo" (2016)

Ballata triste


“Ballata triste” racconta una storia di ordinaria violenza domestica.

“Mi sono sorpresa anch’io a trattare un tema come il femminicidio. Non ci sarei mai riuscita se mi fossi messa lì a scriverne a tavolino. Questo disco racconta la nostra vita in mezzo a una vita che non è vita, dice dell’ingiustizia infinita che dilaga. È un grido di protesta”.
Intervista a Nada
Era una giornata
nata per andare
come sempre a lavorare
ma poi una parola tira l’altra e la storia
si macchia di qualcosa che era da venire
e una parola tira l’altra e diventan pietre
che saltano sui muri e si mettono di traverso

È così che comincia la discussione
la discussione precipita in un disastro
e il tavolo vola e poi si rompe un piatto
lei grida e i denti mordono i santi
E il sangue corre alla testa non si può fermare
i figli sono a scuola, nessuno può sentire

Che amore che amore finito così
tra le pareti di una stanza e una miseria prepotente
amore che amore finito così
tra una spinta una caduta un pugno e una ferita

Le ore le ore le ore senza parlare
nessuno la va a cercare
che cosa succede
le ore le ore che passano nel dolore
nessuno che va a cercare
nessuno che va a vedere

Lei l’han trovata
con una mano
sulla porta
e una sul cuore
sul cuore che si è spaccato
quando l’ha colpita
perché
nessuno
l’ha fermato?

Le ore le ore le ore senza parlare
nessuno la va a cercare
che cosa succede
le ore le ore che passano nel dolore
nessuno che va a cercare
nessuno che va a vedere

2016/3/31 - 22:33



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org