Language   

I dittatori

David Riondino
Language: Italian

List of versions



Charlie Chaplin, The Great Dictator, 1940.
Charlie Chaplin, The Great Dictator, 1940.
È stata scritta nel 1990, poco dopo la caduta di Ceauşescu, che aveva (come nessuno ricorderà, ovviamente, dato che i rumeni –neocomunitari!- sono attualmente brutti sporchi cattivi stupratori ladri zingari & assassini, e non più gli "eroi che si erano liberati valorosamente dal comunismo" del 1989) fatto scavare non so quante migliaia di chilometri di cunicoli sotterranei alla sua "Securitate". Ma tutti i dittatori, come topi di fogna, amano scavare cunicoli sotterranei. Li devono portare da palazzo a palazzo. Li devono proteggere. Non esiste dittatore senza il suo bunker sotterraneo, a partire da Hitler. Non esiste dittatore senza il suo superarmamento ben nascosto nelle viscere della terra (a dire il vero, questa è una caratteristica anche delle cosiddette "grandi democrazie", USA in testa).
"Noi che contiamo come il due di briscola" dovremmo appassionarci alle loro guerre, alle loro grandi battaglie "di libertà", a tutte le ignobili prese per i fondelli che ci riservano, i dittatori. Quelli "classici" e quelli "regolarmente eletti". Loro e i loro stati, i loro eserciti, i loro governi, le loro organizzazioni. E' un obbligo sentirsi coinvolti nei loro giochi di morte e nella loro creazione di paura che si autorigenera all'infinito. Il cunicolo nel quale ci hanno cacciati si chiama securitarismo. Noi non ci stiamo. Opponiamo, tra le altre cose, questa piccola grande canzone di David Riondino. Se mai David ci leggesse, sappia che in questo momento gli è stato offerto un bicchier di vino, e se mi potesse dare un passaggio in moto al Parco dell'Uccellina.... (he knows why). [RV]

Come segnalato opportunamente da Adriana, "I dittatori" fu pubblicata nel n° 06 di "Cuore" dell'11 marzo 1991.
I dittatori scavano cunicoli
complesse architetture sotterranee
con derivazioni labirintiche
pare che molto spesso ci si perdano

Cominciano a scavali fin da piccoli
sentono quel richiamo indecifrabile
e lasciando da parte i loro giocattoli
scavano buche nei giardini pubblici

Fanno una buca in terra rapidissimi
senti un rumore come fosse un trapano
riemergono là in fondo lontanissimi
tutti sgraffiati e coi ginocchi sudici

I genitori spesso se li perdono
chiamano in giro ma non gli rispondono
basta voltare l'occhio, e s'inabissano
inutile sgridarli quando sbucano

Dato che non si sa perché lo facciano
spesso son consultati gli psicologi
dicono che è una sindrome tellurica
complementare al trauma della nascita

Il desiderio d'essere invisibili
a molti fa pensare d'esser angeli
a loro no, gli piace di confondersi
stare nel sottosuolo coi suoi missili

Dentro di me le guerre non esistono
uomini e donne vengono e convivono
è un giardino di razze diversissime
carico di profumi afrodisiaci

Ma cosa penso io non me lo chiedono
e se lo dico loro se ne fregano
però lo dico e sono sicurissimo
che la questione la saprei risolvere

Ma noi contiamo come il due di briscola
ed avremo dei figli tecnologici
decideranno loro se competere
ma quanto a me, mi trovo incompatibile

Io comunque sto bene dove abito
se mi volete sono disponibile
ma eviterò di rovinarmi il fegato
per queste guerre che non mi interessano

D'altronde non vi manca certo il pubblico
perdonerete se mi assento un attimo
mi chiamano nell'anima a un dibattito
un israeliano ed un mesopotamico

Su certe parentele filosofiche
tra i detti del Corano e quelli biblici
poi avremo una cena frugalissima
con certe amiche sui giardini pensili

Io vivo bene sui giardini pensili
tra le vigne e i papaveri dell'anima
c'è bella gente, ed adoriamo gli ospiti
se venite saremo serenissimi

Ma i dittatori scavano cunicoli
ed evidentemente si divertono,
vadano dunque sotto il più possibile,
e dato che ci sono, che ci restino.

Contributed by Riccardo Venturi - 2007/1/6 - 21:57


"Cuore" cosa è? Il titolo di una rivista?

Sì. [RV]

Willy - 2007/1/8 - 18:03



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org