Language   

La canson dlë sfolà

Victor Tagliabue
Language: Italian (Piemontese)

List of versions


Related Songs

Fa la nana
(Coro Edelweiss del C.A.I. di Torino)
Pover suldà
(Alberto Cesa e Cantovivo)
Me canton
(Angelo Brofferio)


Tratta dall’operetta in piemontese “Giandoja nell’Olimpo degli Dei”, questo allegro valzer racconta le peripezie che il povero “sfollato”, costretto ad abbandonare la città devastata dai bombardamenti nel corso dell’ultimo conflitto, è costretto a subire per poter condurre una dignitosa esistenza in quella campagna a cui è così poco abituato.
Dòp le fatighe d’un dì a j’è gnente ‘d pì bel
che ‘l ripòs an campagna!
‘Ndés-ne lontan dla sità, ant un cit paisòt
pròpe aj pè dla montagna!
Fesse ‘n viagèt soagnà ‘nt un vagon bin sgnacà
peuj tre ore dë strà:
Ah, che gòj, che piasì, che sagrin, che magon,
ti ‘t na rive con j’òss a baron.

Lë sfolà l’è rivà
con la pansa ch’ai toca la schin-a.
Còs’a fa? Chi lo sa?
A va a gioch ant la paja pì fin-a!
Lì davzin a j’è ‘l crin
e tra òche, zanzare e moschin
chiel a passa na neuit dësperà
perché fin-a na pules lo ten dësvijà;
can e gat as dësmoro per lì,
peuj a doi bòt a j’è ‘l “chichirichì”!

Bela la festa al paìs! At fan mila soris!
L’è na vera cucagna!
Peuj a j’è ‘l cont da rangè: mila lire dl’alògg…
aotërtant per la bagna…
Dòp j’è ‘l consum dël piolèt, peuj un paira ‘d brichèt
e dovrè ‘l gabinèt!
E la vista dij prà… e ‘l profum d’ij polè…
fin-a l’aria ti ‘t toca paghè!

Lë sfolà l’è rivà
con la pansa ch’ai toca la schin-a.
Còs’a fa? Chi lo sa?
A va a gioch ant la paja pì fin-a!
Lì davzin a j’è ‘l crin
e tra òche, zanzare e moschin
chiel a passa na neuit dësperà
perché fin-a na pules lo ten dësvijà;
can e gat as dësmoro per lì,
peuj a doi bòt a j’è ‘l “chichirichì”!

Contributed by dq82 - 2016/3/2 - 17:50



Language: Italian

Traduzione italiana da carlaesse.it
Dopo le fatiche di un giorno non c’è niente di più bello
del riposo in campagna!
Andarsene lontano dalla città, in un piccolo paesello
proprio ai piedi della montagna!
Farsi un viaggetto comodo in un vagone ben pigiati
poi tre ore di strada:
Ah, che gioia, che piacere, che afflizione, che angoscia
te ne arrivi con le ossa ammucchiate.

Lo sfollato è arrivato
con la pancia che gli tocca la schiena.
Cosa fa? Chi lo sa?
Trova ricovero nella paglia più morbida!
Lì vicino c’è il maiale
e tra oche, zanzare e moscerini
lui passa una notte di disperazione
perché persino una pulce lo tiene sveglio;
cane e gatto si trastullano lì intorno,
poi alle due c’è il canto del gallo!

Bella la festa in paese! Ti fanno mille sorrisi!
È una vera cuccagna!
Poi c’è il conto da pagare: mille lire per l’alloggio…
altrettanto per il companatico…
Poi c’è l’uso dell’accetta, poi un paio di fiammiferi
e l’utilizzo del gabinetto!
E la vista dei prati… ed il profumo dei pollai…
perfino l’aria ti tocca pagare!

Lo sfollato è arrivato
con la pancia che gli tocca la schiena.
Cosa fa? Chi lo sa?
Trova ricovero nella paglia più morbida!
Lì vicino c’è il maiale
e tra oche, zanzare e moscerini
lui passa una notte di disperazione
perché persino una pulce lo tiene sveglio;
cane e gatto si trastullano lì intorno,
poi alle due c’è il canto del gallo!

Contributed by dq82 - 2016/3/2 - 17:51



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org