Language   

Luca Marenzio: Solo e pensoso i più deserti campi

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: Italian



Solo et pensoso [1] i più deserti campi
vo mesurando [2] a passi tardi et lenti,
et gli occhi porto per fuggire intenti
ove vestigio human la rena stampi. [3]

Altro schermo non trovo che mi scampi [4]
dal manifesto accorger de le genti,
perché negli atti d’alegrezza spenti
di fuor si legge com’io dentro avampi: [5]

Sì ch’io mi credo omai che monti et piagge
et fiumi et selve [6] sappian [7] di che tempre
sia la mia vita, ch’è celata altrui.

Ma pur sì aspre vie né sì selvagge
cercar non so, ch’Amor non venga sempre
ragionando con meco, et io co·llui. [8]
NOTE
Tratte da Oilproject - Argomenti di Letteratura Italiana

[1] Solo e pensoso: la poesia si apre con una dittologia che esprime efficacemente lo stato d’animo del poeta, e spiega bene come, anche in questo caso, la dominante del testo sia quella della riflessione egocentrica su se stesso; l’esperienza amorosa diventa motore per ragionare sui propri tormenti, e per proiettarli sullo spazio circostante.

[2] vo mesurando: la sfumatura continuativa del verbo indica che la ricerca della solitudine e il tormento amoroso sono due costanti dell'esistenza del poeta, e che la sua ricerca di pace nella Natura è sempre insoddisfatta.

[3] la rena stampi: e cioè, dove la sabbia (che rimanda ai "diserti campi" del v. 1) porti su di sé indizi e tracce di quella presenza umana che Petrarca, preso dalle sue angosce di cuore, dice di voler evitare.

[4] Altro schermo non trovo che mi scampi: espressione che richiama la dantesca Così nel mio parlar voglio esser aspro (“non trovo scudo ch’ella non mi spezzi”, v. 14).

[5] L’opposizione tra gli avverbi di luogo “fuor” e “dentro” non potrebbe essere più netta: rimarca, come spesso accade nel Canzoniere, il timore che il sentimento amoroso, vicenda tutta interiore, possa essere scoperto e reso manifesto. È questa un’antitesi che attraverserà tutta l’opera petrarchesca.

[6] Si noti come la catena di referenti fisici che ospitano la confessione del poeta siano spezzati dall'enjambement tra i vv. 9-10, che sottolinea ulteriormente la vastità degli spazi naturali attraversati dal poeta "solo et pensoso".

[7] La natura è personificata e ad essa si attribuisce un ruolo almeno in parte consolatorio, determinato non tanto da un autentico alleviamento della pena amorosa, quanto dal suo occultamento: il remedium amoris si rivela pertanto del tutto inefficace.

[8] La reciprocità espressa attraverso il parallelismo finale (“et io co·llui”) ribadisce quanto la fuga dal sentimento amoroso sia sì ricercata, ma mai veramente voluta fino in fondo, come se Petrarca, alla fine, si compiacesse narcisisticamente del proprio tormento interiore.



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org