Lingua   

Non lavoro più in Fiat

Gruppo Operaio E Zézi
Lingua: Italiano



Non lavoro più, manco per un'ora.
Sono un operaio, trasferito a Nola
butto giù il caffè, giorni sempre uguali
non li vedo più neanche con gli occhiali

Ma sono rimasto là come un cretino
per le notizie arrivate un mattino:
con altri trecento portato al confino
perdemmo il lavoro già da quel mattino

Mo vanno dicendo aspetta paziente
che tante vetture faremo in gran fretta
presto tra giorni, tra mesi, tra anni
al tuo lavoro ci torni per certo
Ma questa storia l'ho già sentita
e quest'attesa mi ruba la vita

Non lavoro più, manco per un'ora.
Sono un operaio, trasferito a Nola
butto giù il caffè, giorni sempre uguali
non li vedo più neanche con gli occhiali

Ma sono rimasto ancor più cretino
sentendo il resto in quel grigio mattino:
da molte parti il silenzio è perfetto
aspettano solo che moriamo nel letto

So, che io c'entro, però non è giusto,
morire d'inedia e proprio qui!
Ho messo nel conto i pensieri più neri
ma in quest'inferno non chiudo alla vita
mai più funerali vogliamo vedere
di chi disperato si toglie la vita

Non lavoro più, manco per un'ora.
Sono un operaio, trasferito a Nola
basta col caffè, giorni sempre uguali
e non vedo più neanche con gli occhiali


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org