Language   

San Nicola Varco

Le settebocche
Language: Italian (Campano Salernitano)


Related Songs

Miners (How the Future Will Forget the Dead in War)
(Wilfred Owen)
Mediterraneo
(Piccola Orchestra Karasciò)
Ion
(Il Teatro degli Orrori)


2015
Simm sett’ott’enuje
Simm sett’ott’enuje

Il canto popolare è spesso associato al lavoro nei campi. Oggi chi lavora nei nostri campi parla lingue di paesi lontani. San Nicola Varco è una frazione del comune di Eboli nella piana del Sele, che oltre ad essere una fermata soppressa della linea ferroviaria, fino a qualche anno fa era il più grande agglomerato di Extracomunitari (la maggior parte nord africani) d’Italia. Grazie all’attuale legge sull’immigrazione gli “ospiti” del ghetto di San Nicola Varco entravano in Italia regolarmente, con un contratto di lavoro firmato da società agricole locali. Non appena mettevano piede nel nostro paese, tali società scomparivano e i malcapitati diventavano automaticamente “immigrati e clandestini” schiacciati dal caporalato e dalla miseria. Prima dell’11 Novembre del 2009 la Regione Campania aveva avviato delle iniziative di integrazione e delle attività di rientro dei migranti nei loro paesi. Alcuni di loro piangevano di gioia avendo la possibilità di poter tornare a casa e di non essere più schiavi. Poi inspiegabilmente una notte la polizia ha sgomberato il campo. Forse la spiegazione è nel fatto che lo stato italiano ha avuto due mani: una era la Regione che operava lentissimamente per attenuare il degrado, l’integrazione e il rientro; l'altra è la Prefettura che operava con puntualità scientifica per l’allontanamento coatto. Qualche mese dopo lo sgombero sono stati completati i lavori di realizzazione del vicino centro commerciale.
Io rà chesta terra me ne voglio ire 
Pè truà furtuna addò fernesce o mare

Figlì ro' sùd e figlì ro' mare
simme venut’ ppe faticare
Faccè già nere cotte ro' sole
Ca pe duje sorde stamm’ a padrone
Mal’ a chillu iorne Ca ce so venut’
E a chi premetteva io l’aggio crerut’
Po’ mettiett per’ ‘ngopp’ a chella varca
E mo so fernut’ A San Nicola Varco

Io rà chesta terra me ne voglio ire 
Pè truà furtuna addò fernesce o mare

Dint’a stì barracch’ tra fierr’ e cartone
Simm’a centenare tutt’ senza nomme
Nuje comm’e surdate ca vann’ pà uerra
Quann’ o sole sponta faticamm’ a terra
Mmiezz’ a chisti surche tra terra e surore
Manc’ na speranza trova chiù parole
Simme Crist’ n’croce e pe trenta renare
Ce stanne vennenn’ Giuda e Capurale

Io rà chesta terra mò voglio partire 
Ma pà casa mia so sei juorne e mare

Oggi so venut’ cient’ cellerine
Pecchè simme sul’ gente clandestina
E da San Nicola ce fanne sgombrare
Pecchè c’hann’ aizà nu centr’ commerciale
Nuje nun simme niente e cuntamm’ poco
Pecché è ata a gente ca cummanna o iuoco
Chell’ ca pè sorde nun’ave cuscienza
Guarda gir’a faccia e a nuje nun ce penza … chiù.

Io rà chesta terra mò voglio partire 
Ma pà casa mia so sei juorne e mare

Contributed by dq82 - 2015/12/8 - 17:07



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org