Language   

Tsunami

Manic Street Preachers
Language: English

List of versions


Related Songs

Argentovivo
(Daniele Silvestri)
Le Vent souffle
(Marco Valdo M.I.)
Dall'altra parte del cancello (GOAL !)
(Giorgio Gaber)


[1998]
Parole di Nicky Wire
Musica di James Dean Bradfield e Sean Moore
Nell’album intitolato “This Is My Truth Tell Me Yours”

This Is My Truth Tell Me Yours
Tsunami

Canzone ispirata alla vicenda di June e Jennifer Gibbons, due sorelle gemelle nate nel 1963 nell’isola caraibica di Barbados. Erano ancora molto piccole quando i genitori decisero di emigrare in Europa, stabilendosi ad Haverfordwest, una cittadina del Galles.



Le due sorelline – come accade a molti gemelli - erano inseparabili e legate tra loro a tal punto da aver sviluppato un linguaggio peculiare con cui comunicavano, un patois assolutamente incomprensibile ad altri, persino ai genitori. Inoltre, non c’erano altri bimbi di colore nella piccola comunità di Haverfordwest e fin dai primi giorni di scuola le sorelline, così diverse e così strane, finirono ostracizzate, soggette ad atti vessatori da parte dei compagni. Quanto più la situazione relazionale si complicava, tanto più le sorelline si chiudevano in sé stesse; il loro linguaggio s’infittava e velocizzava sempre di più, impossibile ormai cogliere anche solo una parola, e loro non parlavano ormai più con nessuno. Provarono a separarle, con l’unico risultato che entrambe caddero in uno stato catatonico.



Ormai note come “The Silent Twins”, le due adolescenti trascorsero alcuni anni in completo isolamento nella loro camera, dove giocavano con delle bambole elaborando complesse storie, trame da soap opera. Poi frequentarono un corso di scrittura creativa (ovviamente per corrispondenza) e cominciarono a scrivere racconti ( “Pepsi-Cola Addict”, “The Pugilist, “Discomania”,…) in uno stile del tutto originale, costellati di parole inventate, con trame fantasiose e inquietanti, molto spesso storie di giovani dal comportamento deviante e criminale, infarcite di violenza. Pubblicarono per conto loro le loro opere e altre le proposero ad alcune case editrici, ma senza alcun successo.



Le sorelle silenziose cominciarono a frequentare ragazzi difficili e finirono col commettere diversi reati. Data la loro particolare situazione, non le rinchiusero in riformatorio ma in ospedale psichiatrico. E ce le rinchiusero per 14 lunghi anni. Durante la detenzione la loro salute, in particolare quella di Jennifer, si deteriorò. Jennifer morì improvvisamente nel marzo del 1993, a soli 30 anni, per una sopraggiunta grave patologia cardiaca. Alla morte della sorella, June cominciò a parlare e a comunicare con gli altri e raccontò che c’era stato un accordo tra loro, che non vedendo alcuna via di uscita alla loro immotivata prigionia, avevano finito per credere che soltanto la morte di una di loro avrebbe potuto liberarle, e che Jennifer si era sacrificata, “Jennifer ha dato la sua vita per me”. Verità o fantasia nevrotica, fatto sta che il “piano di evasione” delle sorelle silenziose riuscì: Jennifer si liberò nella morte e June da quel momento ha condotto una vita assolutamente normale.
For you my dear sister
Holding onto me forever
Disco dancing with the rapists
Your only crime is silence

Can't work at this anymore
Can't move I want to stay at home
Tied up to all these crutches
Never far from your hands

Tsunami tsunami
Came washing over me
Tsunami tsunami
Came washing over me
Can't speak, can't think, won't talk, won't walk

Doctors tells me that I'm cynical
I tell them that it must be chemical
So what am I doing girl
Cry into my drink I disappear

Eyes for teeth grating over me
Bring down the shadows of my mind
Sleep and breathe under our sheets
Inhale the anxiety in - between, in - between, in - between, in - between

Tsunami tsunami
Came washing over me
Tsunami tsunami
Came washing over me
Tsunami tsunami
Came washing over me
Tsunami tsunami
Came washing over me

Through September under the weather

In - between, in - between, in - between, in - between

Tsunami tsunami
Came washing over me
Tsunami tsunami
Came washing over me
Tsunami tsunami
Came washing over me
Tsunami tsunami
Came washing over me

Take the GI's I will have the spies

Contributed by Bernart Bartleby - 2015/11/25 - 10:42


Una poesia scritta da June Gibbons, dal blog the château of my heart

WE TWO MADE ONE

A life
our life
always together, forever
drawing strength from one another
two beds, two heads, one mind
locked in
locked up
creating stories
inventing life
you and me
you are me
I want to find a part of me
that doesn’t belong to you
a poisoned mind
this is our game
virgins on the dole
tried a little witchcraft
trying to be invisible
someone is driving you insane
it’s me
stares and signals
my perception, your perception, clashing
you are me
you and me
you are me
a passing breeze across the sky
dreaming
separated
burning inside
this is our war
this is our life
who will give in
you or me
a division within and between
separated
only one should lose
I was missing from the world
you gave my life back to me
this is our life
this is our game
we once were two
we two made one
we no more two
through life be one

Bernart Bartleby - 2015/11/25 - 11:20



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org