Language   

Tü meis figl grond

Linard Bardill
Language: Raeto-Romance (Valladèr)

List of versions


Related Songs

Kyrie Eleison
(Linard Bardill)
Lungatg sans frontière
(Mario Pacchioli & Michael von der Heide)
Per tuots in praschun
(Linard Bardill)


[1988]
Parole e musica: Linard Bardill
Pleds e musica: Linard Bardill
Worte und Musik: Linard Bardill
Album: Strampedemi, Lieder gegen den Krieg [1991]

Linard Bardill (qualche annetto fa).
Linard Bardill (qualche annetto fa).


"Hanns Dieter Hüsch hat ein Gedicht geschrieben, das mit «Wenn die Krieger kommen» beginnt. Nun hatte mein vierjähriger Sohn eine panische Angst vor den Soldaten, die durch unser im Sommer und Winter von Touristen, in den Zwischensaisons vom Schweizer Militär heimgesuchten Dörfchen Parsonz marschierten. Ich schrieb ihm, ausgehend von Hüschs Satz, dieses Lied und sang es ihm unzählige Male vor. Es hat ihm die Angst genommen. Sowie ich das Leben kenne, wird aus ihm wohl ein Oberst werden." - Linard Bardill

Racconta Linard Bardill nel libretto dell'album di canzoni contro la guerra Strampedemi, pubblicato nel 1991: ""Hanns Dieter Hüsch ha scritto una poesia, che comincia così: 'Quando arrivano i soldati'. Ora, mio figlio di quattro anni aveva una paura terribile dei soldati, che marciavano nel nostro paesino di Parsonz frequentato in estate e in inverno dai turisti, e nelle mezze stagioni dai militari svizzeri. Allora, ispirandomi a Hüsch, gli scrissi questa canzone e gliela cantai non so quante volte. Gli ha fatto passare la paura. Per quanto mi è dato di conoscere la vita, può darsi benissimo che diventi un generale."
Tü meis figl grond, cur cha’ls guerriers
Chaminan tras cumün, va oura
Culs mans averts
Ed aint in busacha las betschlas da l’on passà.

I portan la fatscha da l’infiern
Ed il corp da la mort
Ed il cour dad ufants
Ed ils mans da bacher

Tü meis figl grond cur cha’ls guerriers
Chaminan tras cumün tü vezzarast
Lur schlupels straglüscharan
Aint ils ultims razs dal sulai

Tils muossa la s-chella dal narr
E la flomma dal fö
Ed il sömmi d’la plövgia
E la boffa dal vent

Tü meis figl grond, cur cha’ls guerriers
Chaminan tras cumün, tils cumonda
Da s-frachar oura fouras cun lur bajunettas
Da l’asfalt, e’lura plantai bos-cha
Dschembers plantai!

Contributed by Riccardo Venturi - 2015/11/11 - 21:22



Language: Italian

Traducziun italiana da Rischard Vantuair
Traduzione italiana di Riccardo Venturi
11 November / 11 novembre 2015

Due parole del traduttore. Piaciuta la "romancizzazione" del nome? Giuro, non lo fo più. Però è anche una specie di omaggio ai miei anni svizzeri, che si allontanano sempre di più e dei quali mi resta, tra le altre cose, un dizionario retoromanzo e proprio del "romantsch grischun". Non mi sta praticamente servendo a nulla, visto che queste canzoni non sono affatto in romantsch grischun; è una lingua che si può usare benissimo nei passaporti svizzeri, nei documenti ufficiali e nelle trattazioni grammaticali, ma a nessuno verrebbe mai in mente di scriverci una poesia o una canzone (come facesse Emil Schavut, non lo so).
MIO FIGLIO GRANDE

Mio figlio grande, quando i soldati
marciano per il paese, tu esci fuori
con niente in mano
e nello zaino le pigne dell'anno scorso.

Hanno una faccia da inferno
e un corpo da morte
e un cuore da bambini
e mani da macellaio

Mio figlio grande, quando i soldati
marciano per il paese, vedrai
come luccicano i loro fucili
con gli ultimi raggi del sole

E allora mostragli il berretto da clown
e la fiamma del fuoco
e il battere della pioggia
e il soffio del vento

Mio figlio grande, quando i soldati
marciano per il paese, ordinagli
di sforacchiare l'asfalto con le baionette
e di piantarci boschi,
piantate cembri!

2015/11/11 - 21:56


In margine. Come per tutte le canzoni in lingue diverse dal tudestg, il piddieffone di Linard Bardill riporta una versione in tedesco. Però, anche per questa canzone si tratta di una "Nachdichtung" che corrisponde solo in parte al testo in romancio. Non è che capisca molto questa cosa, a meno che il Bardillus non ricanti anche le canzoni in tedesco. Se qualcuno la vuole mettere, è avvertito; io non ce la metto. Le canzoni originali in tedesco ok, ma le "Nachdichtungen" no.

Riccardo Venturi - 2015/11/11 - 22:01



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org