Language   

'A cansón del Vajònt

T.A.Z. Burroughs
Language: Italian (Veneto)



Barbaramente e vilmente trucidati
    per leggerezza e cupidigia umana
    attendono invano «Giustizia»
    per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ... 

  ... [Barbaramente e vilmente trucidati
  per leggerezza e cupidigia umana
  attendono invano «Giustizia»
  per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ... 

Adesso fa parlare i morti, non i tuoi divi

con registi diversi: tanto son vuoti, i teatri.

Sono tempi in cui Cortina attira gente

e piena di SUV è l'Alemagna [la S.S. 51].

Una volta c'era questo monte "marcio"

e duemila croci, nel cimitero di Fortogna.

[Piccola mia] ti cerco ogni notte col pensiero.

Sento le tue unghie nella terra, che scavano

e so che la tua anima mi ascolta.

E penso a me, che non ho la forza;

mi rendo conto che non esisti più,

e che io sono spezzato, "dentro".

Mi sento ancora più solo

anche se tutti [oggi] ne parlano...

Vogliono 'portarci a casa il sole',

ma è un sole che non [ci] scalda.

Non ho paura dei sogni, delle voci, della sere,

perché tornerà una quiete, travestita da neve,

a imbiancare il campanile della pieve.

E' da allora, che non alzo più lo sguardo:

scusami se bestemmio, Dio. Ma non mi resta altro!

Perché è sempre in questo luogo la mia bimba...

Come la MAFIA che l'ha uccisa, da allora NON SI E' MOSSA.

E non m'importa niente delle parole, [o] delle tue [ipocrite]Leggi,

o di questa [nuova] casa, che odora di calce.

Io non volevo che succedesse,

[proprio] come la signora Merlin Costantina.

[Il 9 ottobre]se ne andrà l'ultimo "visitatore commosso".

Ma non se ne andrà questa diga, [questa pena],

perché «l'ultimo commosso»... non è con noi,

è là sotto[terra], che URLA [ancora].

Perché in Italia, dove NESSUNO e niente si muove,

anche una diga, «se ne sta al suo posto».

E [per la Verità] non si attiva il prete, che continua a lucidare il Cristo;

[dopo gli allarmi] non si muovono neanche i "benpensanti" [e i Giudici].

E nemmeno [più] crolla, la diga del Vajont,

... perché [da allora,] la tien su IL DISGUSTO.

    ... [Barbaramente e vilmente trucidati
    per leggerezza e cupidigia umana
    attendono invano «Giustizia»
    per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ...

        ... [Barbaramente e vilmente trucidati
        per leggerezza e cupidigia umana
        attendono invano «Giustizia»
        per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ... 

Non sono all'altezza di parlare di questa storia:

io sono una persona estranea, forestiera, ...e 'senza memoria'.

[Ma,] E al di là di ogni perdono:

i fatti del Vajont mi fanno vergognare di essere un uomo.

"Un uomo"? Cos'è poi l'«Uomo»?

Quale [altra] belva, per interesse, massacra e oltraggia i suoi simili?

Duemila speranze, ... duemila esistenze.

Duemila presenze, ... sotterrate come semi.

Non entro nel merito. Tanto, tutti san già tutto;

tutto è stato scritto, e tutto è stato detto.

Inutile signori, nascondersi dietro un dito:

nemmeno coll'acido lo fai sparire, questo luridume...

Almeno per quello che ci resta [ancora] di bello e salvabile,

una cosa dobbiamo fare: MAI DIMENTICARE!

  ... [1 Io porto il dolore dentro a case che non ci sono più...
  mi ritiro dietro finestre che non hanno senso ...
  prendo la chiave di porte che non aprono MAI ...
    ... [2 Barbaramente e vilmente trucidati
    per leggerezza e cupidigia umana
    attendono invano «Giustizia»
    per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ...

Parlare del Vajont come "disastro"?

ne trovo il bandolo partendo dal film.

Dico che il problema più grosso

non è una diga costruita nel posto sbagliato.

Non è lo scoprire che quei BASTARDI sapevano

[da 4 anni] i rischi che si prendevano,

... ma [ lo ste$$o ] se ne sono fregati.

Voglio parlare di una questione chiamata "Energia"

e dell'Uomo, che ne è il creatore e schiavo.

Proprio questa sua impotenza - in apparenza 'vera' -

ha fatto sì che si sia compiuto

l'ECCIDIO, quella sera del 9 ottobre '63.

Sotto gli occhi di tutto il mondo proprio là, subito,

[quella gente] ha pagato il prezzo di quel "PROGRE$$O"

Porto immenso rispetto e tristezza

per tutta quella gente che ha subìto quell'immenso torto

... ma posso solo stare in silenzio.

[Però] Penso anche che bisogna, ed urge, ricordare

che in questa assurdità

ci siamo tutti dentro fino al collo. E ancora adesso.

Dopo quel precedente,

l'uomo si è ancora più piegato

[di fronte ] a questa energia artificiale

tanto da non credere più

nell'Autonomia delle sue braccia e le sue gambe.

Si è reso dipendente delle macchine.

Macchine. Più si espandono i mercati,

e più esigono che l'ambiente

*contro_Natura* venga violentato:

«Opere Grandi», che fanno paura.

[Nel cielo] Sopra le nostre teste

vorremmo [fermarci a godere] ancora le stelle, e ancora la luna.

Ma è sempre attività, ad ogni ora;

guardali, i nostri bei quartieri illuminati:

sono fatti come dei cimiteri.

Perché, secondo te, son tutte in fila omologate e uguali

le case che ci circondano?

E mi viene in mente QUELLA DIGA ...

E MI VIENE IN MENTE QUELL'ONDA

... [Barbaramente e vilmente trucidati
per leggerezza e cupidigia umana
attendono invano «Giustizia»
per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ...

  ... [Barbaramente e vilmente trucidati
  per leggerezza e cupidigia umana
  attendono invano «Giustizia»
  per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ...

... [Barbaramente e vilmente trucidati
per leggerezza e cupidigia umana
attendono invano «Giustizia»
per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ...

  ... [Barbaramente e vilmente trucidati
  per leggerezza e cupidigia umana
  attendono invano «Giustizia»
  per l'infame colpa (Eccidio premeditato)] ...


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org