Language   

Après vendanges

Gaston Couté
Language: French (Beauceron)

List of versions


Related Songs

Ces choses-là
(Gaston Couté)
Hiver
(Gaston Couté)
Chanson des silos
(Gaston Couté)


Versi di Gaston Couté interpretati da Gérard Pierron e Bernard Meulien (1976), Le P'tit Crème (1997), Pierrot Noir e Christian Deschamps (2003), Claude Antonini (2007).
Testo trovato su Gaston Couté (1880-1911) le gâs qu'a mal tourné...

Gérard Pierron e Bernard Meulien, “La chanson d'un gas qu'a mal tourné

… e mentre bevo e mi sbronzo mi tornano in mente le preghiere che da bambino recitavo tutte le sere, al buon Dio e alla sua cricca, e gli insegnamenti del maestro a scuola, Proprietà, Patria, Onore e Rispetto della Legge… Ma oggi so che tutto questo è pura menzogna e che al mondo ci sarà sempre miseria finchè i cagnacci grossi continueranno a poter mangiarsi i piccoli… E allora, fratelli miei, siccome io vedo bene che non ho diritto al pane, lasciatemi almeno il diritto al sogno, il dolce sogno di una sbronza…
V'là les pesans qu'ont fait vendanges !
V'là les perssoués qui pissent leu' jus ;
On travaille aux portes des granges
A "rassarrer" l'vin dans les fûts.
L'vin ! Ça met des moignieaux qui chantent
Dans les coeurs et dans les servieaux,
Mais moué qui n'fait qu'de bouer de l'eau
J'me sens dans les boyeaux du vente
Comm' des gernouill's qui font coin-coin...
J' vourai ben m'foute eun' saoulé de vin !

Tout l'monde est saoul su'mon passage,
Mêm' le Maire qui vient d'marier
Deux bourgeouésiaux de l'environnage,
Et même itou Môssieu l'curé
Qu'a vidé trop d'foués son calice :
M'en v'là des gens qu'ont l'air heureux,
I's s'donn'nt la main ou l'bras entre eux,
I's s'étayent et s'rend'nt el sarvice
D'ramasser c'ti qu'a culbuté,
I's s'embrass'nt su'tous les coûtés
Au'nom de la fraternité.
Et leu's dégueulis s'applatissent
Coumm' des étouel's le long du chemin.
J'vourai ben m'foute eun' saoulé d'vin !

Allons les homm's, allons mes frères !
Allons avancez- moué-z-un verre,
J'veux fraterniser avec vous ;
J'veux oublier tout' ma misère
En trinquant et buvant des coups
Avec les grands, avec les grous !
J'veux aphysquer les idé's rouges,
Les idé's roug's et nouer's qui bougent
Dans ma caboch'de gueux et d'fou :
J'veux vous vouer et vouer tout en rose
Et crouer qu'si j'ai mal vu les choses
C'est p'têt' pas que j'étais pas saoul.
Allons, avancez-moué-z'un verre...
Je veux prend'e eun' cuite à tout casser
Et l'souer couché dans un foussé

Ou m'accottant à queuqu's tas de pierres
Pour cuver mon vin tranquill'ment
J'me rappell'rai p'têt' la prière
Que j'disais tous les souers dans l'temps,
Et l'bon Guieu et tout' sa bricole
Et la morale au maît' d'école,
Propriété, patrie, honneur,
Et respect au gouvarnement,
Et la longér' des boniments
Dont que j'me fous pour le quart d'heure.
Je trouv'rai p'têt'e itou qu'on a tort
D'voulouer se cabrer cont' son sort,
Que le mond' peut pas êt' sans misère,
Qu'c'est les grous chiens qui mang'nt les p'tits
Et qu'si je pâtis tant su c'tte terre
J'me rattrap'rai dans l'Paradis.

Allons les homm's, allons mes frères !
Je veux ben que j'n'ai pas l'drouet au pain,
Laissez-moué l'drouet à la chimère,
La chimèr' douc' des saoulés d'vin.
Note da Gaston Couté (1880-1911) le gâs qu'a mal tourné...

S'accotter = s'appuyer contre
Bourgeoisieau = Habitant aisé du bourg.
Etouel's = Etoiles.
Longer' des boniments = la litanie (en Provence, de longue signifie sans arrêt : de longue il rène = il râle sans arrêt).
Mouégnieaux ou moignieaux = Moineaux et autres oiseaux non déterminés. En Beauce les moineaux sont assez souvent appelés "passes" (de passereaux).
Persoué = Pressoir.
Vourin = Voudraient.

Contributed by Bernart Bartleby - 2015/6/8 - 13:30



Language: Italian

Traduzione italiana / Traduction italienne / Italian translation / Italiankielinen käännös:
Riccardo Venturi, 26-02-2020 14:51

Gaston Couté (incisione di Jean Lébédeff)
Gaston Couté (incisione di Jean Lébédeff)


Due parole del traduttore. Come già accennato qua, parecchie canzoni di Gaston Couté sono scritte in un linguaggio piuttosto ostico, probabilmente anche agli stessi francesi che hanno bisogno, generalmente, quantomeno d'un glossario. Alcune di queste canzoni sono semplicemente in argot, ma parecchie sono proprio in dialetto, vale a dire quello natio della Beauce (il beauceron), storica regione del centro-nord della Francia tra la Valle della Loira e l'Île-de-France. Questa qua, è in dialetto beauceron (Gaston Couté aveva iniziato la sua breve vita, di soli 31 anni, a Beaugency nel Loiret). A questo punto, mi è sorto il problema della “traduzione”; avevo pensato di tradurre in toscano (probabilmente in fiorentino di campagna). Ma poi ho pensato che, dopo aver trascurato per così tanto tempo il povero Gaston Couté, per prima cosa bisognava far capire quel che diceva. E così ho tradotto in un italiano sì un po' popolaresco, ma nemmeno troppo. Però avverto fin da ora: se qualcuno vorrà dedicarvisi, Gaston Couté è fatto apposta per l'emiliano, per il vercellese, per il lombardo, per il romanesco, per il siciliano e per tutti i dialetti italiani da Aosta a Capo Passero. Per esempio, se il buon Poltronieri Flavio in un futuro avesse tempo, ce lo vedrei benissimo in veneto, e particolarmente in veronese di campagna (linguaggio probabilmente molto affine al bretone con venature di nahuatl).
DOPO VENDEMMIA

Ecco che i contadini han fatto vendemmia!
Ecco che i torchi pisciano il loro succo ;
Si lavora alle porte dei granai
a ammassare [1] il vino nei barili.
Il vino! Mette dei passerotti canterini
nei cuori e nei cervelli,
ma io, che no fo altro che bere acqua,
mi sento il vento dentro alle budella
come ranocchi che fanno cra-cra...
Vorrei proprio pigliarmi una sbronza come un tègolo!

Tutti sono sbronzi quando li incontro,
pure il sindaco che ha appena sposato
due riccazzi qui del vicinato,
e pure il signor curato
che ha svuotato troppe volte il bicchiere :
ecco della gente dall'aria felice,
si danno la mano, si pigliano a braccetto,
si appoggian l'uno all'altro e si fanno il favore
di raccattare chi dei due è cascato in terra,
si abbracciano di qui e di là
in nome della fratellanza.
E le loro vomitate si depositano
come stelle lungo il cammino.
Vorrei proprio pigliarmi una sbronza come un tègolo!

Gnàmo gente, gnàmo fratelli miei!
Gnàmo, avanti, su, datemi un bicchiere,
ché voglio fraternizzare con voialtri ;
voglio dimenticare tutta la mia miseria
trincando e facendomi cicchetti,
coi grandi e coi grosssi !
Voglio sfissiare [2] i pensieri rossi,
i pensieri rossi e neri che si agitano
nella mia capa di pezzente e di pazzo :
io voglio vedere, vedere tutto rosa,
e credere che, se ho visto male le cose,
era perché non ero briaco.
Gnàmo, su, datemi un bicchiere...
Voglio prendere una sbronza da spaccare ogni cosa,
e poi la sera dormire steso in un fosso

Oppure, appoggiandomi a un mucchio di sassi
per smaltire il vino tranquillamente,
mi ricorderò forse della preghiera
che dicevo tutte le sere tanto tempo fa,
e del buondìo, e di tutte quelle stronzate,
e della morale del maestro di scuola,
pulizia, patri, onore
e rispetto verso il governo,
e della sequela di litanie
di cui mi frega sì e no un quarto d'ora.
Forse beh capirò che si ha torto
a voler incazzarsi con la propria sorte,
che il mondo non può esser senza miseria,
che i cani grossi mangian quelli piccini
e che, se patisco tanto su questa terra,
mi rifarò in paradiso.

Gnàmo gente, gnàmo fratelli miei!
Lo vedo bene che non ho diritto al pane.
E allora lasciatemi il diritto alla chimera,
la dolce chimera d'essere sbronzo marcio.
[1] rassarrer: “resserrer, ramasser, réunir” (Glossaire du Centre de la France)

[2] aphysquer è la resa “rustica” di una parola colta, asphyxier.

2020/2/26 - 14:52



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org