Language   

Nustalgia (Nostalgia di Ribera)

Rosa Balistreri
Language: Sicilian

List of versions

Watch Video

Esecuzione di "Nustalgia" da parte di Rosa Balistreri durante un concerto in provincia di Catania nel 1989.
Le immagini sono state donate a Nicolò La Perna, biografo della Balistreri e curatore del sito Cultura Siciliana, su nastro VHS e lui le ha salvate digitalizzandole.




More videos...


Related Songs

Cantu d’a curuna
(Rosa Balistreri)
Passa Maria
(Rosa Balistreri)
O cuntadinu sutta lu zappuni
(Rosa Balistreri)


[1964]
Parole e musica di Giuseppe Nicola Ciliberto (1942-), scrittore, poeta, compositore e pittore nativo di Ribera, in Provincia di Agrigento.



Testo trovato su Cultura Siciliana, sito curato da Nicolò La Perna, autore della biografia “Rosa Balistreri - Rusidda... a Licatisa”

Rosa Balistreri


La canzone è inedita nella versione di Rosa Balistreri, che la interpretò in almeno due occasioni: in un concerto a Barcellona Pozzo di Gotto, Messina, in data imprecisata, e nel corso di una serata con il popolare cantante e conduttore televisivo Claudio Lippi.
Pensu a sta terra ca mi sta luntana,
sta terra prufumata sutta ‘u suli,
ca iu lassai pi ghiri a travagliari,
cu gran duluri e granni dispiaciri.

Pensu a la me casuzza chi lassai,
a li biddizzi di sta terra mia,
iu ccà li viu ‘nta ‘u sonnu e m’adduluru,
e pensu notti e jornu di turnari.

E’ ‘na ‘nfilicità luntanu stari,
luntanu di sta terra di Sicilia,
lassai la mamma e tutti li me cari,
lassai l’oduri di la primavera.

Iu cantu pi putirimi scurdari,
ca sugnu fora di la casa mia,
cu stu distinu ccà nun c’è chi fari,
e pensu notti e jornu di turnari.

Lassatimi un raggiu di lu suli,
‘na guccitedda di l’azzurru mari,
lassati di la zagara l’oduri,
ca quannu tornu la vogliu truvari.

E’ ‘na ‘nfilicità luntanu stari,
luntanu di sta terra di Sicilia,
lassai l’amuri e tutti li me cari,
lassai l’oduri di la primavera.

Contributed by Bernart Bartleby - 2015/4/9 - 17:54



Language: Italian

Traduzione italiana da Cultura Siciliana, sito curato da Nicolò La Perna, autore della biografia “Rosa Balistreri - Rusidda... a Licatisa”
NOSTALGIA

Penso a questa terra che è lontana,
questa terra profumata sotto il sole,
che io lasciai per andare a lavorare,
con gran dolore e grande dispiacere.

Penso alla mia casetta che lasciai,
alle bellezze di questa terra mia,
io qua la vedo in sogno e mi addoloro,
e penso notte e giorno di tornare.

E’ una infelicità lontano stare,
lontano da questa terra di Sicilia,
lasciai la mamma e tutti i miei cari,
lasciai l’odore della primavera.

Io canto per poter scordarmi,
che sono fuori dalla mia casa,
con questo destino qua non c’è che fare,
e penso notte e giorno di tornare.

Lasciatemi un raggio di sole,
una goccina dell’azzurro mare,
lasciate della zagara l’odore,
che quando torno lo voglio trovare.

E’ una infelicità lontano stare,
lontano da questa terra di Sicilia,
lasciai l’amore e tutti i miei cari,
lasciai l’odore della primavera

Contributed by Bernart Bartleby - 2015/4/9 - 17:56


Caro Bernart, la canzone non è inedita, è stata inserita nel cd "Rosa canta e cunta - rari e inediti" nel 2007 a cura del Teatro del Sole. La registrazione fu effettuata nel febbraio del 1987 a Udine da Vittorio Vella. Un abbraccio fraterno.

Flavio Poltronieri - 2015/8/20 - 20:02


Grazie Flavio, mi era proprio sfuggito. E dire che il CD "Rosa canta e cunta - rari e inediti" l'avevo già incontrato nel mio peregrinare.
Ricambio l'abbraccio e ne approfitto per rimediare ad un'altra mancanza e fare dono, a te e a tutti, di qualche video relativo alla canzone.
Ciao

Bernart Bartleby - 2015/8/20 - 21:34


Grazie ancora, Flavio, per la tua precisazione perchè, cercando su YouTube esecuzioni del brano, mi sono imbattuto nel gruppo folk-cabaret "Sicilia Canta, Sicilia Frana" di Ribera, nella cui formazione originaria, a cavallo tra 70 e 80, militava anche Giuseppe Nicola Ciliberto.
Ci sono almeno un paio di canzoni che forse meritano di essere proposte sulla CCG/AWS.

Bernart Bartleby - 2015/8/20 - 21:57


La canzone venne in seguito introdotta da una breve parte recitata tratta da uno scritto di Leonardo Sciascia:

Matri, pirchì ti siccaru li vini ? si matri terra, t'asciucasti tutti li tò sciumi. Foru li tò figli tinti, però, matri, tu hai figli boni. E iu, matri terra sugnu un figliu bonu, un figliu sanu, unu chi cu orgogliu grida: "Sugnu sicilianu!"

Bernart Bartleby - 2015/8/21 - 09:20



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org