Language   

Canzone per Delmo

Filippo Andreani
Language: Italian



A chi lo do questo figlio che neanche riesco a toccare
e, per tanto che somiglia alla mia faccia, neanche riesco a guardare?

Ne è passato di tempo, amore mio, che anche i ricordi son stanchi,
stan qui con la tua faccia da bambino e tu hai già i capelli bianchi.

Ed io… io morsico le nuvole tanta è la rabbia che fa
l’idea che sono andato via che non dicevi “papà”.

Ci hanno messo poco, ci hanno messo poco: il tempo di un’avemaria,
poi son caduto e ho baciato la terra …terra mia!

Stai attento, Delmo, che faran di tutto per cambiarti il cuore;
che ti chiameranno libero ma solo dopo un gioco di parole.

A chi lo do questo figlio che è un venticinque d’aprile?
È una foto sulle gambe di mio padre seduto in cortile.

Tra schiene curve di donne, tra calendari di fame,
è la mano che tirava le gonne per zucchero e pane.

E, quando Marino non canta, la pianura ti scopre da solo
con le scapole troppo corte per venire a raggiungermi in volo…

Ed io… resto muto tra le nuvole e di anni ne ho quasi cento
e ho un figlio piu vecchio di me…che scherzi fa il tempo!

Dolcemente Verina sorride dalla nuvola accanto alla mia
e ci guarda come si guarderebbe la nostalgia.

Stai attento, Delmo, che faran di tutto per lavarti il cuore,
che ti chiameranno libero ma solo dopo un gioco di parole;
a guardia d’ogni tua età ho appeso i miei occhi al cielo
ed ho pregato che la strada, davanti ad ogni “loro” credo,
ti insegnasse a svoltare dalla parte sbagliata.

Portami ancora con te e con questo cognome che fu semina e raccolto
e, quando “loro” hanno ragione, fai di tutto per stare dalla parte del torto.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org