Lingua   

Fama nera

VillaZuk
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Disumanità
(VillaZuk)
In de schaduw van de mijn
(Bobbejaan Schoepen)


[2011]
Album :"...a colorare Libertà"

50488919

Da una poesia di Leopold Sedar Senghor
Cerco un lavoretto estivo, un annuncio sul giornale
mi presento puntuale, gli dimostro che so fare
me ne accorgo dai suoi occhi, che mi ritengono perfetto
ma con disagio china il capo, non puoi essere accettato

Solo un motivo mi lascia da pensare
non c'è ragione io non lo so spiegare
solo sfiducia la pelle mia trasmette
io sono nero non posso lavorare

Non ho voglia di studiare, da domani cambierà
ho bisogno di dormire, rilassarmi ed aspettare
ho finito di mangiare, mezza sigaretta accesa
mi addormento sul divano, mi abbandono ad aspettare

Sogno un risveglio da non dimenticare
popolazioni e canti da ballare
scambi d'affetto tra gialli neri e bianchi
mille sapori in uno stesso piatto

Bianco quando sei normale,rosso se ti scotti al sole
scuro una stagione al mare, giallo se ti senti male
verde quando sei già morto, pallido se fumi troppo
come fai a nominare me ... un uomo di colore

Un amico l'ho trovato, perché gli ho fatto immaginare
come una pietra di sale, sulla crosta di un vulcano
non ti devi preoccupare, ora che mi puoi capire
io mi sento un uomo vero, perché tratto tutti uguali

Sono diverso ed io non lo sapevo
é questo sguardo che me lo fa capire
le porte chiuse mi fanno alzar la testa
con un sorriso mi vien da compatire

Bianco quando sei normale,rosso se ti scotti al sole
scuro una stagione al mare, giallo se ti senti male

verde quando sei già morto, pallido se fumi troppo
come fai a nominare me ...

inviata da DoNQuijote82 - 14/11/2014 - 10:30




Lingua: Francese

Versione originale della poesia di Léopold Sédar Senghor

Homme de couleur
Poème à mon frère blanc
Quand je suis né, j'étais noir;
Quand j'ai grandi, j'étais noir;
Quand je suis au soleil, je suis noir;
Quand je suis malade, je suis noir;
Quand je mourrai, je serai noir...
Tandis que toi homme blanc,
Quand tu es né, tu étais rose;
Quand tu as grandi, tu étais blanc;
Quand tu es au soleil, tu es rouge;
Quand tu as froid, tu es bleu;
Quand tu as peur, tu es vert;
Quand tu es malade, tu es jaune;
Quand tu mourras tu seras gris...
Alors, de nous deux,
Qui est l'homme de couleur??

inviata da DoNQuijote82 - 14/11/2014 - 10:33




Lingua: Italiano



Prima versione della poesia di Ruillier Jérôme
Io, uomo nero, quando sono nato ero Nero
Tu, uomo bianco, quando sei nato, eri Rosa
Io, ora che sono cresciuto, sono sempre Nero
Tu , ora che sei cresciuto sei Bianco
Io, quando prendo il sole sono Nero
Tu, quando prendi il sole sei Rosso
Io, quando ho freddo sono Nero
Tu, quando hai freddo sei Blù
Io, quando sarò morto sarò Nero
Tu quando sarai morto sarai Grigio

E tu chiami me uomo di colore!!!

inviata da dq82 - 14/11/2014 - 10:31




Lingua: Italiano

Versione per bambini
Quando sono nato, io ero nero
quanto tu sei nato, eri rosa
quando mi arrabbio, io rimango nero
quando tu ti arrabbi, diventi rosso
quando ho freddo, io rimango nero
quando tu hai freddo, diventi blu
quando ho paura, io rimango nero
quando tu hai paura, diventi verde
quando ho mal di pancia, io rimango nero
quando tu hai mal di pancia, diventi giallo
quando vado al mare, io rimango nero
quando tu vai al mare, diventi nero. E ti piace!

Allora… chi è il vero bambino di colore?

inviata da DoNQuijote82 - 14/11/2014 - 10:32



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org