Language   

La maldición de Malinche

Gabino Palomares
Language: Spanish

List of versions

Watch Video

Su You Tube è possibile vedere il video in cui Gabino Palomares canta questa canzone insieme a Amparo Ochoa in un memorabile concerto che si tenne a Managua il 24 aprile 1983 e che prese il nome di "Concierto por la paz en Centro América"; vi parteciparono importanti nomi della nueva canción latinoamericana, da Silvio Rodríguez a Alí Primera, da Mercedes Sosa a Chico Buarque. In un momento in cui il Nicaragua Sandinista era attaccato dalla guerriglia dei "Contras", il concerto sosteneva "la pace e il non intervento in Centro America".
(Maria Cristina Costantini)



More videos...


Related Songs

Gli indiani
(Assemblea Musicale Teatrale)
El zenzontle pregunta por Arlen
(Amparo Ochoa)
Ramona
(Amparo Ochoa)


Famosa l'interpretazione di Amparo Ochoa

Gabino Palomares.
Gabino Palomares.
Hernán Cortés e i suoi 500 soldati pidocchiosi misero a ferro e fuoco il centro America e nel 1521 annientarono l'impero azteca.

Malintzin, Malinche o Doña Marina era una donna azteca che in infanzia fu ceduta ai Maya, rivali degli Azteca. Furono i caciques del Tabasco a regalarla a Cortés. Questi si accorse che la ragazza parlava correntemente sia il nahuatl, la lingua azteca, che la lingua maya e si impadroniva molto in fretta anche del castigliano. Così ne fece la sua interprete ufficiale.

Oggi in Messico l'espressione "maledizione di Malinche", o "malinchismo", sta a significare la soggezione degli interessi nazionale a quelli del capitale straniero, soprattutto nord-americano.
Del mar los vieron llegar
mis hermanos emplumados
eran los hombres barbados
de la profecía esperada.

Sonó la voz del monarca:
que el dios había llegado
y les abrimos la puerta
por temor a lo ignorado

Iban montados en bestias
como demonios del mal
iban con fuego en las manos
y cubiertos de metal.

Fue el valor de unos cuantos
les opuso resistencia
y al mirar correr la sangre
se llenaron de vergüenza.

Aunque los dioses ni comen
ni gozan con lo robado
y cuando nos dimos cuenta
ya todo estaba acabado.

Ese error entregamos
la grandeza del pasado
y en ese error nos quedamos
trescientos años esclavos

Se nos quedó el maleficio
de brindar al extranjero
nuestra fe, nuestra cultura,
nuestro pan, nuestro dinero.

Hoy les seguimos cambiando
oro por cuentras de vidrio
y damos nuestra riqueza
por sus espejos con brillo.

Hoy en pleno siglo XX
nos siguen llegando rubios
y les abrimos la casa
y los llamamos amigos.

Pero si llega cansado
un indio de andar la sierra
lo humillamos y lo vemos
como un extraño por su tierra.

Tu hipócrita que te muestras
humilde ante el extranjero
pero te vuelves soberbio
con tus hermanos del pueblo.

¡Oh! maldición de Malinche
enfermedad del presente
¿cuándo dejarás mi tierra?
¿cuándo harás libre a mi gente?

Contributed by Alessandro - 2006/10/10 - 09:32



Language: Italian

Versione italiana di Maria Cristina Costantini
LA MALEDIZIONE DI MALINCHE

Dal mare li videro arrivare
i miei fratelli coperti di piume
erano gli uomini barbuti
dell'attesa profezia.

Si udì la voce del monarca
annunciare che il dio era arrivato
e aprimmo loro la porta
per paura dell'ignoto.

Cavalcavano bestie
come demoni del male
avevano il fuoco nelle mani
ed erano coperti di metallo.

Solo il valore di pochi
oppose loro resistenza
e quando videro scorrere il sangue
si riempirono di vergogna.

Perché gli dei non mangiano
e non rubano
e quando ci rendemmo conto
era ormai tutto finito.

Con quell'errore consegnammo
la grandezza del passato
e in quell'errore siamo rimasti
per trecento anni schiavi.

Ci è rimasto addosso il maleficio
di offrire allo straniero
la nostra fede, la nostra cultura,
il nostro pane, il nostro denaro.

E continuiamo a scambiare
oro con perle di vetro
e diamo le nostre ricchezze
in cambio dei loro specchi luccicanti.

Oggi in pieno ventesimo secolo
continuano ad arrivare uomini biondi
e apriamo loro la nostra casa
e li chiamiamo amici.

Ma se arriva un indio
stanco di percorrere la sierra
lo umiliamo e lo consideriamo
straniero nella sua stessa terra.

Tu ipocrita che ti mostri
umile davanti allo straniero
e diventi superbo
con i tuoi fratelli del popolo.

Oh maledizione di Malinche,
malattia del presente
quando lascerai la mia terra?
quando renderai libera la mia gente?

Contributed by Maria Cristina Costantini - 2006/10/11 - 16:32



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org