Language   

Coro dei deportati

Franco Fortini
Language: Italian


Related Songs

Coro dell’ultimo atto
(Franco Fortini)
Χαϊδάρι
(Markos Vamvakaris / Μάρκος Βαμβακάρης)
La victoire de Guernica
(Luigi Nono)


[1942-44]
Versi di Franco Fortini, nella raccolta “Foglio di via ed altri versi”, Einaudi, Torino, 1946.



Non so se questa spledida e agghiacciante poesia sia mai stata messa in musica, ma si tratta comunque del canto di un “Coro dei deportati”…

Quando il ghiaccio striderà
dentro le rive verdi, e romperanno
dai celesti d’aria amara
nelle pozze delle carraie
globi barbari di primavera
noi saremo lontani.

Vorremmo tornare e guardare,
carezzare il trifoglio dei prati,
gli stipiti della casa nuova,
piangere di pietà
dove passò nostra madre:
invece saremo lontani.

Invece noi prigionieri
rideremo senza requie
e odieremo fin dove le lame
dei coltelli s’impugnano.
Maledetto chi ci conduce
lontano, sempre lontano.

E quando saremo tornati
l’erba pazza sarà nei cortili,
e il fiato dei morti nell’aria.
Le rughe sopra le mani,
la ruggine sopra i badili:
e ancora saremo lontani.

Saremo ancora lontani
dal viso che in sogno ci accoglie
qui, stanchi d’odio e d’amore.
Ma verranno nuove le mani
come vengono nuove le foglie
ora ai nostri campi lontani.

Ma la gemma s’aprirà,
e la fonte parlerà, come una volta.
Splenderai, pietra sepolta,
nostro antico cuore umano,
scheggia cruda, legge nuda,
all’occhio del cielo lontano.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/10/1 - 13:24



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org