Language   

Language: Italian

List of versions


Related Songs

Il disertore
(Alberto Cesa e Cantovivo)
Barbos barbel barbù
(I Luf)
La ballata dei militari
(Collettivo Víctor Jara)


Il brano seguente è tratto dall’LP “Viva la Rosa” pubblicato nel 1972 dal duo Centanaro-Winderling (vedi oltre le note di copertina)
Viva la Rosa

Adattamento de La chanson du déserteur, ballata francese del XV secolo.

Si tratta di 12 ballate tradizionali trasposte in lingua italiana da Luciano Noel Winderling ed eseguite per voce e due chitarre : una la riconoscerete perché è quella che accompagna Fabrizio De Andrè nella versione in studio della “Guerra di Piero” (la suona Vittorio Centanaro)

Della ballata del Volontario sono presenti molte varianti, ad esempio “Il disertore” presentato dal gruppo piemontese “Cantovivo” nel loro album “Leva la gamba”

Dalle note di copertina del disco



« Signore e signori Vi diamo il benvenuto alla prima di "Viva la Rosa" » con queste parole due anni fa fu presentata al pubblico genovese nel corso delle manifestazioni teatrali dello Stabile di Genova, una serie di canzoni e ballate francesi che abbracciava un arco di tempo compreso fra il milletrecento ed il millesettecento.
Ora le stesse canzoni, tutte in versione italiana, sono inserite in questo 33 giri e proposte ad un più vasto pubblico; immutato è il titolo di "Viva la Rosa" che è una delle dieci canzoni della serie. I due brani che chiudono rispettivamente le due facciate del disco, sono una bourrée di De Visée e "Tre giorni son che Nina" di Pergolesi, trascritti appositamente per due chitarre.

Ma parliamo un po' di queste ballate: con amore sono state ricercate ed elaborate, a volte quando si presentavano incomplete qualcosa veniva aggiunto cercando però sempre di mantenere intatto lo spirito che le animava; con altrettanto amore sono state eseguite.

I temi che in esse sono rappresentati sono quelli dell'amore, della guerra, della solitudine, dell'indifferenza; temi di sempre da che mondo è mondo anche se purtroppo è cambiato il modo di esprimerle, sentimenti che fanno e faranno sempre parte della vita di ognuno di noi e anche se oggi sono un po' nascosti sono però più che mai attuali. L'uomo di ieri e di oggi, canzoni antiche, ma nuove quindi, ancora intatte nella loro freschezza sia che derivino da un'origine prettamente popolare sia da una fonte più nobile nate all'ombra dei castelli medioevali.

La musica per fortuna non fa differenza di classe. E' nella genuinità, nella semplicità dei testi, nella originalità musicale di queste ballate che noi abbiamo creduto; parole che, senza fare alcuna polemica, vogliono veramente dire qualcosa e nella maniera più poetica di sempre; temi musicali già completi di per se stessi solo ripresi e restaurati pazientemente, con il timore quasi di rovinarli. Per quel che di nuovo queste canzoni vi possono dare, per quel che di cambiato c'è nel gusto comune, abbiamo realizzato questo disco.

Mi son fatto soldato
per amor di una bionda
perché mi ha rifiutato
un anellino d'oro
che io avrei serbato
quale pegno d'amor

durante il mio cammino
incontro il mio capitano
dico che vado sereno
verso quella boscaglia dove
fin dal mattino infuria la battaglia

mi dice bravo soldato
so che hai le spine nel cuore
ma ti sei arruolato
per chi ti ha già tradito
ecco il pegno d'amore
brilla qui al mio dito

indosso la mia divisa
sotto le fronde di un pino
in mano stringo la spada
e più non so dir ma chi c'e' stato
vi può attestare
che sono un buon soldato

col primo colpo di spada
ho ucciso il mio capitano
sono felice anche se
ormai so qual'e' la mia sorte
entro tre giorni
sarò condotto a morte

quelli che mi uccideranno
saranno i miei camerati
e gli occhi mi benderanno
con una benda nera
senza avere il tempo
di dire una preghiera

soldati del mio paese
non dite nulla a mia madre
ditele che mi hanno preso
davanti al forte di Bordeaux
e che alla mia casa
mai più ritornerò

Contributed by Gianfranco Robiglio - 2014/9/16 - 22:59


Ma non è la versione italiana de La chanson du déserteur del XV secolo?

Bernart Bartleby - 2014/9/16 - 23:13


hai ragione Bartleby. Avevo cercato la ballata originale quando avevo inserito le informazioni inviateci da Gianfranco e non l'avevo trovata. Direi comunque di lasciare questa pagina come canzone indipendente in omaggio a Vittorio Centanaro che ci ha lasciato tre anni fa.
Per Krzysiek: ci hai mandato la stessa canzone con un titolo diverso (Mi sono fatto soldato)!

Lorenzo - 2014/9/17 - 08:53



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org