Language   

Lettera dalla Svizzera

Giorgio Gaber
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Il nostro giorno (1° Maggio)
(Giorgio Gaber)
Il coscritto
(Giorgio Gaber)
NPWA (No Power Without Accountability)
(Billy Bragg)


[1965]
Parole e musica di Giorgio Gaber
Lato B di un singolo dedicato al 1° Maggio.
Con l’accompagnamento di Augusto Martelli e la sua Orchestra.
Il 45 giri fu anche offerto in allegato alla rivista settimanale “Bella”
Poi nella compilation “Prima del Signor G - Giorgio Gaber 1958/1970”.

Il nostro giorno (1° Maggio) / Lettera dalla Svizzera
“Bella vi regala questo disco”, inserto n. 22, 1965
Prima del Signor G
Ti amo tanto mio dolce cuore
più son lontano e più ti sogno
penso ai tuoi occhi al nostro amore
se un poco piango mi passerà.

Di lavoro ce n’è molto
e si può ben guadagnare
ma il permesso ci hanno tolto
di restare a lavorare.

Cara moglie io sto bene
ma è una vita dura assai
certo a casa non conviene
che io ritorni tu lo sai.

Ecco tutto starò via
Dio mi aiuti e così sia.

Ti amo tanto mio dolce cuore
più son lontano e più ti sogno
penso ai tuoi occhi al nostro amore
se un poco piango mi passerà.

Riprendo il mio cammino
me ne vado sacco in spalle
forse questo è il mio destino
lascio il monte scendo a valle.

Vado sempre più lontano
con la morte dentro il cuore
sono un povero italiano
e nessuno mi da un fiore.

Non mi resta altro da fare
solo questo lavorare.

Ti amo tanto mio dolce cuore
più son lontano e più ti sogno
penso ai tuoi occhi al nostro amore
se un poco piango mi passerà.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/8/20 - 12:05


Trovo la canzone, senza attribuzione, in alcune compilation di canti anarchici o politici, come quella del Gruppo Popolare e Solisti dell'Oltrepo Pavese, ma da quello che risulta in Rete la canzone è proprio di Giorgio Gaber… Interpretata anche da Maria Monti insieme a Gaber stesso nell’LP del 1979 intitolato “Noi nella società”.

Canti politci e sociali italiani

Bernart Bartleby - 2014/8/20 - 12:49



Language: French

Version française – LETTRE DE SUISSE – Marco Valdo M.I. – 2014
Chanson italienne – Lettera dalla Svizzera – Giorgio Gaber – 1965

immigres-italiens-suisse
LETTRE DE SUISSE

Mon doux cœur, je t'aime tant
Plus je suis loin et plus je rêve de toi
À tes yeux, mon amour, je pense tout le temps
Je pleure un peu, mais ça me passera.

Ici, il y a beaucoup de travail
Et on peut bien gagner
Mais ils nous ont enlevé
Notre permis de travail.

Chère femme, je vais bien
Ici, la vie est très dure
Certes, il ne convient pas que je rentre
Chez nous et cela, tu le sais bien.

Alors, je reste en exil
Dieu m'aide et ainsi soit-il.

Mon doux cœur, je t'aime tant
Plus je suis loin et plus je rêve de toi
À tes yeux, mon amour, je pense tout le temps
Je pleure un peu, mais ça me passera.

Je reprends mon chemin
Je m'en vais sac à l'épaule
C'est peut-être mon destin
Je pars dans la vallée; fini la montagne.

Je m'en vais toujours plus loin
Avec la mort dans le cœur
Je suis un pauvre italien
Personne ne me fera une fleur.

Je n'ai pas d'autre choix
Que de travailler là.

Mon doux cœur, je t'aime tant
Plus je suis loin et plus je rêve de toi
Mon amour, à tes yeux, je pense tout le temps
Je pleure un peu, mais ça me passera.

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2014/8/23 - 18:33



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org