Language   

See How the Rain Falls

Julius Lester
Language: English

List of versions


Related Songs

Talking Vietnam Blues
(Julius Lester)
Dancing in the Street
(Martha and the Vandellas)


[1966]
Lyrics and music by Julius Lester
Testo e musica di Julius Lester
Album: Departures (1967)

lestdep


“Veleno di piombo sul muro – Le canzoni del Black Power” è un oramai introvabile libro a cura di Alessandro Portelli edito nel 1969 da Laterza. Introvabile, ma un mio assolutamente caro amico, uno che si è fatto anni di lotta armata, di latitanza, di esilio e di galera, ne ha trovata casualmente una copia in uno “scaffale di libero scambio” in un ospedale fiorentino; e me l'ha consegnata affinché ne facessi buon uso. Cosa che vado a fare, anche perché il libro contiene, interamente commentate e tradotte, trentacinque canzoni dell'epoca del Black Power, ancora più introvabili del libro: tant'è vero, che -pur avendone reperito il video, il testo non si trova in rete e l'ho dovuto copiare di persona. Julius Lester, nato nel 1939, è stato un insegnante e pedagogo di colore, un cantautore e un dirigente del SNCC. Nel 1967 pubblicò l'album Departures, dal quale è tratta questa canzone. Così ne parla Alessandro Portelli (p. 93 del volume):

“La scena è il Sud: una di quelle sere calde e tranquille, odorose di magnolia. Solo un piccolo episodio ha turbato l'ordine naturale durante la giornata: un nigger è stato linciato e impiccato. Ma adesso è tutto finito e dimenticato, e la pioggia cade su tutti, sulle vittime come sui carnefici. Dal disco Departures (Vanguard VRS-9261)”. [RV]
See how the rain falls.
It falls on the tree where he hung.
It falls on the farmer who tied the noose.
And on the grave where the last hymn was sung.
See how the rain falls.
It falls on the farmer who locks the barn door.
It falls on the churchyard ground.
The farmer smiles as he looks at the sky.
"Now my corn won't die."
The evening passes slowly.
He falls asleep by the fire.
The rain runs slowly off the roof.
Rain is a soft lullabye.
In the morning a gentle wind blows
Through the corn and the tree in the grove.

Contributed by Riccardo Venturi - 2014/8/20 - 09:30



Language: Italian

Traduzione di Alessandro Portelli
op.cit., p. 95
GUARDA COME CADE LA PIOGGIA

Guarda come cade la pioggia;
cade sull'albero dove l'hanno impiccato
cade sul contadino che ha stretto il nodo
e sulla tomba dove hanno cantato l'ultimo inno.
Guarda come cade la pioggia,
cade senza un rumore;
cade sul contadino che chiude la porta del fienile,
cade sul cimitero.
Il contadino sorride guardando il cielo:
"Ora il mio granturco non morirà."
La sera passa lenta
si addormenta accanto al fuoco;
la pioggia cade lenta dal tetto
la pioggia è una dolce ninna-nanna.
La mattina soffia un vento dolce
attraverso il granturco e l'albero nel bosco.

Contributed by Riccardo Venturi - 2014/8/20 - 10:04



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org