Language   

Le stagioni di Anna Frank

Renato Franchi & Orchestrina del Suonatore Jones
Language: Italian


Related Songs

Genova, 20 luglio 2001 - Ballata per Carlo Giuliani, ragazzo
(Renato Franchi & Orchestrina del Suonatore Jones)
Czardasz Birkenau
(Aleksander Kulisiewicz)
Sera jugoslava
(Renato Franchi & Orchestrina del Suonatore Jones)


2014
Le stagioni di Anna Frank
Le stagioni di Anna Frank

Prosegue febbrile ed appassionata l’attività discografica di Renato Franchi e della sua Orchestrina del Suonatore Jones, andando di pari passo ai loro apprezzatissimi concerti, e a distanza di poco più di un anno da “Filastrocche Scritte Per Strada”, li ritroviamo alle prese con “Le Stagioni Di Anna”, album nato dopo un viaggio/concerto nei campi di concentramento tedeschi di Auschwitz e Birkenau del Gennaio 2011, e dedicato al coraggio e al sorriso di Laura Prati e Adriana Cavalieri. Il disco raccoglie tredici brani tra originali e riletture, che nel loro insieme compongono un vero e proprio concept album sulla grande tragedia della Shoà. Ad impreziosire il tutto è la presenza di alcuni ospiti d’eccezione come il jazzista Max De Aloe, il batterista Gianfranco D’Adda, Alberto Bertoli, la tromba di Fabio Beltramini, nonché lo scrittore e giornalista Claudio Ravasi e la ricercatrice storica Nicoletta Bigatti. Ad aprire il disco è l’intensa title-track, a cui seguono, quasi fosse un antologia della canzone d’autore italiana le belle versioni di “Auschwitz” di Francesco Guccini, la struggente “Sei Minuti All’Alba” di Enzo Jannacci, “Varsavia” di Pierangelo Bertoli cantata con il figlio Alberto, “Ciao Amore Ciao” di Luigi Tenco, fino a toccare il folk-rock dei Gang con “La Pianura Dei Sette Fratelli”, e la splendida “Se Questo è Un Uomo” di Massimo Bubola. Completano il disco “Il Disertore” di Boris Vian, “Futuro Bella Sposa” di Max Manfredi”, l’immarcescibile “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones” di Gianni Morandi, e una intensa versione di “Cercando Un Altro Egitto” di Francesco De Gregori. “Le Stagioni Di Anna” è la dimostrazione dell’amore sconfinato che Renato Franchi nutre per la canzone d’autore militante, ma è anche una preziosa occasione per rileggere un pezzo importante della nostra storia attraverso alcuni dei brani più belli dedicati al momento più drammatico della Seconda Guerra Mondiale.

Salvatore Esposito

blogfoolk.com
Biciclette e ragazze
gonne fiori e terrazze
nei mattini di Amsterdam

Violini e balconi
giardini e canzoni
nelle estati di Amsterdam

Nuvole e sole
lacrime e viole
sotto il cielo di Amsterdam

Corrono gli anni, le primavere
le stagioni di Anna Frank

Anna adesso scrive
non si ferma e scrive
nella notte che non passerà

Anna adesso scrive
non si ferma e scrive
nella notte che la tradirà

Carri armati e e cannoni
guerra croci e prigioni
nell'inverno di Amsterdam

Soldati e catene
deportati e sirene
sopra i treni di Amsterdam

fucili e terrore
sangue e fragore
nei canali di Amsterdam

Corrono gli anni, le primavere
le stagioni di Anna Frank

Anna adesso scrive
non si ferma e scrive
di un dolore che non passerà

Anna adesso scrive
non si ferma e scrive
nella notte che la tradirà

Anna è come il vento
che accarezza l'aurora
e anche se il cielo è tempesta
Anna sorride ancora

Biciclette e ragazze
gonne fiori e terrazze
nei mattini di Amsterdam

Violini e balconi
giardini e canzoni
nelle estati di Amsterdam

Nuvole e sole
lacrime e viole
nei ricordi di Amsterdam

Corrono gli anni, le primavere
le stagioni di Anna Frank

Anna Anna Frank
Anna Anna Frank

Contributed by DonQuijote82 - 2014/7/31 - 21:54



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org