Language   

La Repubblica di Caulonia

Fortunato Sindoni
Language: Sicilian


Related Songs

Per voi immigrati
(Gëzim Hajdari)
Arrivaru i Cammisi
(Vincenzo Lo Iacono)
Amica Libertà
(NoWhiteRag)


[2005]
Questi versi furono composti da Fortunato Sindoni, uno degli ultimi cantastorie siciliani - originario di Baccialona Pizzaottu (Barcellona Pozzo di Gotto), Messina - appositamente per il Kaulonia Tarantella Festival... Raccontano dei movimenti rivoluzionari antilatifondisti capeggiati a Caulonia da Pasquale Cavallaro nel 1945.
Testo trovato sul sito del Fan Club di Mimmo Cavallaro
Si veda al proposito Castrum vetus, proprio di Mimmo Cavallaro, di cui si riporta parte dell’introduzione per comodità del lettore:



Pasquale Cavallaro era un insegnante elementare ed era un comunista. “U profissuri”, come veniva chiamato, era un uomo di polso e di cultura (“omu di pursu e d'intellettu”) e conosceva bene la travagliata storia della sua terra. Sapeva bene, per esempio, che l’ “Unità d’Italia” aveva cambiato solo il nome a Castelvetere, ma per il resto tutto era rimasto come prima: i padroni, gli agrari erano diventati ancora più ricchi, avendo usurpato, con il beneplacito della legge, il 75% delle terre demaniali, e braccianti e contadini erano rimasti in una miseria ancora più nera. Cosa fece allora il nostro professore? Fece intercettare molte delle armi degli Alleati destinate alla Resistenza del nord Italia e le fece nascondere con l’intenzione di tirarle fuori al momento opportuno, se fosse stato necessario fa capire ai proprietari ingordi e ai vecchi fascisti, che già si erano cuciti le giacchette nuove, che almeno a Caulonia la musica era cambiata per davvero.
All’inizio del 1944 Pasquale Cavallaro fu eletto sindaco a furor di popolo e cominciò subito il suo piano di riforme: disarmo dei campieri, gli scagnozzi dei proprietari, sequestro delle derrate di grano stoccate per mantenere alto il prezzo del pane, riforma agraria con distribuzione ai contadini delle terre usurpate... Gli agrari s’incazzarono di brutto e - guarda un po’ - chiamarono in loro aiuto la “legge”... Appena qualche settimana dopo la Liberazione, proprio alla vigilia di una grossa ridistribuzione di terre, i carabinieri arrestarono il figlio di Cavallaro, Ettore. A quel punto “u profissuri”, che aveva fino a quel momento atteso pazientemente da Togliatti un ordine di insurrezione che non era mai arrivato, insorse da solo e, forte di alcune migliaia di volontari armati, dichiarò la “Repubblica di Caulonia” issando la bandiera rossa con falce e martello. I contadini armati, liberi finalmente dopo secoli di vessazioni, si abbandonarono alla violenza contro alcuni dei notabili del paese, arrivando ad uccidere il parroco.

Nonostante la benedizione di Stalin in persona - che avrebbe dichiarato “Ci vorrebbe un Cavallaro in ogni città” - il professore e i suoi furono subito scaricati dal PCI e in breve disarmati dopo l’intervento della polizia da Reggio Calabria. Cavallaro si dimise e fu arrestato con altre centinaia di cauloniesi.
Il processo, celebrato a Locri nel 1947, fu il più importante processo politico del dopoguerra, un maxi-processo che, a causa dei quasi 400 imputati, dovette svolgersi in un impianto industriale appositamente requisito. Alla fine tutti godettero dell’amnistia togliattiana ma non gli esecutori materiali del preticidio e non il Cavallaro, ritenutone ingiustamente il mandante. E nemmeno quei quattro contadini che morirono per le violenze e le torture subite durante la detenzione.

Una vicenda che ricorda molto quella di Bronte del 1860...
Si mi susteni u sensu e la raggiuni
e lu me cori non mi fa 'mpedimentu
cantu lu tempu di quandi li “gnuri”
vulivanu servi la povira genti!
Strisciava a mafia arreri 'e so patruni,
serpi affamata cu vilinusi denti
spittandu calma lu giustu mumentu
p'approfittari pu so giuvamentu!

A Caulonia di luntanu tempu
tirava avanti stu nefandu andazzu;
stintava assai u poviru scuntentu,
pi prepotenti era un gran sollazzu!

A liggi non sintia stu lamentu
e pattiava cu chiddi du palazzu!
Forti chi debbuli p'apprufittari,
chi forti debuli pi s'allisciari!

A guerra fici i cosi piggiurari.
Poti mai a guerra fari carchi beni?
Pi puvareddi, in particulari,
s'assummanu la fami e li peni!
“Così la vita non poti durari:
assuggittati a sti tinti jeni!
Cu teni assai si l'havi a spartiri
cu puvareddu ca sta pe muriri!

Così gridava, senza scantu aviri,
pi nostri tempi jeni un casu raru;
un veru omu d'animu gintili,
lu canusciti: jeni Cavallaru!
Di prutistari non volia finiri,
puru pi chistu poi l'arristaru.
La vostra menti, mi dici l'istintu,
vola a ddi jorna du quarantacincu!

Lu fattu in tanti modi fu dipintu:
cu scrissi niru e cu scrissi jancu,
ndi po' parrari mali cu ndi vinni vintu,
lu vantò assai cu ci spirava tantu!
Lu cantastorie nni jeni cunvintu
ca pi Caulonia resta un grandi vantu,
dandosi forti pi prima na mossa
desi all'Italia a Repubblica Rossa!

Nta tutt'Italia si sentìu na scossa,
c'è cu pinsò: “Ccà ndi fannu fissa!
Firmamu, prestu, prima ca si 'ngrossa
stu cumunismu sinnunca 'nd' abissa!
S' u populu, ca scusa da riscossa,
si svigghia finalmenti di sta lissa,
nni fa pagari tutt' i cosi storti
pi comu li tinimu a mala sorti!

Li fatti furu tanti e u dicu forti:
non eppi sempri giustizia a so parti.
C'è cu n'apprufittò pi dari morti
e pi lavari l'onuri 'e so fatti!
Ma nti di jorna l'animi su 'nsorti
sugnandu pi l'Italia novi patti.
Partiu du Sud la rivoluzioni:
“Viva Caulonia, abbassu li baroni!”

Giustu lu tempu di sta dicisioni:
di Riggiu e di Roma li vonnu firmari.
Subbitu partiu la reazioni:
“Ancora nun è ura di cangiari!
Truvamu prestu na soluzioni!”
La liggi è già pronta p'attaccari!
Lu sognu di riscattu caulonisi
nasciu e morsi nta lu stessu misi!

Ma pi furtuna Cavallaru 'ntisi
mettiri fini pacificamenti
a sta rivolta, pirciò iddu decisi:
“Pusamu l'armi istantaneamenti!”
Sutt'o processu furu pi misi
i capi di sti grandi eventi:
resta u ricordu di sti jorna i gloria
puru si jeni sulu microstoria.

Un sulu mortu nte libri di storia
non cunta nenti comu fussi aria
ma pi cu teni ancora la memoria
sa chi Caulonia pu sud è leggendaria!
Lu cantastorie chiudi senza boria
cu na murali pocu letterata:
S'u nostru Sud nto suprusu campa
viditi ca prima o poi si stanca!
E si si stanca ripigghia la bandera
di Cavallaru e da so Russa schera!

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/7/20 - 15:21



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org