Language   

Per le ribelli della libertà

Margot
Language: Italian

List of versions


Related Songs

¿Qué dirá el Santo Padre?
(Violeta Parra)
Pietà l'è morta
(Nuto Revelli)
No Tav
(Margot)


[2010?]
Versi di Matteo Moder, giornalista e scrittore.
Musica di Margot Galante Garrone.




Prosperina Vallet (1911-1998?), nata ad Aymavilles, Valle d'Aosta, partigiana nella formazione autonoma Vertosan, insieme al compagno Rino Mion, detto “Fulmine”. La foto dovrebbe risalire al novembre del 1944.

Prosperina Vallet (1911-1998?), nata ad Aymavilles, Valle d'Aosta, partigiana nella formazione autonoma Vertosan, insieme al compagno Rino Mion, detto “Fulmine”. La foto dovrebbe risalire al novembre del 1944.


Ribelli per la sbirraglia
Per il popolo eroine
Portate la vostra taglia
Come un abito di seta fine.

Siete l’8 settembre
Di chi non sta a pensare
Se il peso è proprio il suo…
Eppur bisogna andare.

Con l’anima spogliata
D’ogni pia illusione
Sulle spalle una coperta
In bocca una canzone.

E negli occhi la rugiada
Che alle lacrime assomiglia
Poi fischia il vento
Che vi asciuga le ciglia.

E voi chinando il viso
Il petto alla collina
Non celate il sorriso
Che sgomina la mattina

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/7/11 - 11:11


È morta Margot, Margherita Galante Garrone. Cantacronache in servizio permanente effettivo. Poetessa, musicista e donna di teatro. Figlia, sorella, compagna e madre di intellettuali, di antifascisti e di artisti. Amante degli animali, nemica dell'ingiustizia, severa nel criticare e fraterna nello stimolare i suoi simili.

Alessio Lega ricorda Margot.

Margot


Margot

2017/8/23 - 21:35



BIOGRAFIA

Nata è a Torino? Sì, nel quarantuno
Ma non lo deve sapere nessuno…
E di che morte alfin perirà?
La data ancora nessuno la sa.

Crebbe bambina con tre precettori
Privati: storici, poeti, autori,
Ed una madre assai brava cantante,
E violinista ed anche commediante…
Questi ascendenti geniali ed illustri
L’accompagnaron per più di tre lustri
Finché incontrò, un bel giorno in collina,
Un musicista già sulla trentina
Che la convinse di botto a cantare
E che la volle ben presto sposare.
Così Margot, ch’era ancora fanciulla
Lasciò i parenti, lasciò la sua culla,
I suoi interessi, e perse la testa
Per dedicarsi ai canti di protesta.

Con Amodei e Michele Straniero
Girò l’Europa e non le parve vero
Di dare inizio alla bella avventura
Dei Cantacronache, che con sicura
Mano per primi seppero creare
Musiche e testi da rappresentare,
Coadiuvati da nomi importanti
Come Calvino, Fortini e ancor tanti
Che troppo lungo sarebbe elencare
Quindi fermiamoci nel menzionare.

E furon loro, negli anni sessanta,
A incider dischi per Italia Canta
Un’etichetta legata al Picì
Ch’ebbe successo ma poi finì lì.
Dopo pochissimo il gruppo si sciolse
E Margot a tutti le spalle sue volse.

Ben lo si sa che spesso le ciambelle
Non riescon cotte e non riescono belle;
Così Margot per tentar la fortuna
Lasciò il marito e si fiondò in laguna
Con il bambino di appena tre anni…
E fu colà che iniziò con Giovanni
Un’avventura che appena nata
A essere eterna era poi destinata.

Scrisse canzoni e colonne sonore
Partecipò a più kermesse canore
Tredici dischi incise da autrice
Ma le mancava, per esser felice,
Un picciol gruppo con cui lavorare
E divertirsi a inventare e a giocare.
E fu così che con far sbarazzino
Di marionette fondò il Gran Teatrino
Avendo sempre, e fedeli, al suo lato
La Paola Pilla e la Lulù Beato.

Con la Luisa e con la Roberta
(e Valentina che a Roma in trasferta
andò) e con Sara e con la Gloria
(…se un buon servizio ci fa la memoria)
Il Gran Teatrino di sposate e putte
Onore fece a quel “COSI’ FAN TUTTE”…

Poeti infine si fecero sotto
Collaborando, come Andrea Zanzotto,
E furon molti che i bei pupazzi
Amaron (come Renato Palazzi:
Il grande critico che ama il Teatrino
E recensisce ogni spettacolino
Da quei lontani primi anni novanta
Quando la strada da fare era tanta).

Son stati e sono spettacoli densi
Che in ogni ambiente ricevon consensi:
Musiche tratte da assai rari dischi:
Hindemith e Malipiero e Stravischi,
Kurt Weill, Rameau, e anche Purcell e Berio,
Kagel, Berlioz, Boccherini e con serio
Spirito i testi (che han messo alla prova
La Stein, Calasso, Balzac, Casanova)
Il Gran Teatrino seppe poi trovare
per presentarli in occasioni rare,
Con i costumi grandiosi che fatti
Son da quel mago di Marco Baratti.

Presto arrivarono anche le beghe
Per l’arroganza di ex amiche streghe
Ma delle Femmine la grande Fede
Che tutto sa e che tutto prevede
Continuò poi di successo in successo
Allori a mietere col suo complesso,
Un po’ a Venezia, a Torino, a Milano,
Dovunque sul territorio italiano,
A Roma, Padova, Trento, e Cremona
Ed a Palermo, Bologna ed Ancona,
Alla Fenice ed in molti locali
Aperti alle performanze teatrali
E ancor: spettacoli alla Giudecca:
Venti e più pièces, senza mai far cilecca.

Buttando quindi alle ortiche le seghe
Già menzionate di alcune colleghe
Con le fedeli sue Pilla e Beato
Il Gran Teatrino si è poi cimentato
In più di un’opera alla Fenice
Con risultato davvero felice,
E un corso tenne poi di messinscena
Perfino in un Istituto di Pena…
E ancor produsse dei cortometraggi
(Senza peraltro trarne dei vantaggi).
Ed or si appresta (se ben lo conosco)
A fare un musical sul gran Don Bosco.

Sempre e dovunque il Teatrino fu amato
Tanto che infine poi venne ospitato
Per qualche tempo in una Fondazione
Che vanta fama e vanta tradizione…
Ma che in un “amen”, con gran tracotanza
Spedì le Femmine via dalla stanza
In cui le recite dai veneziani
Erano accolte con gran battimani.
E fu così che la bella struttura
Per fare posto a una brutta scultura
Venne cacciata, senz’ombra di scusa,
E l’esperienza fu così conclusa.

Questo per quanto riguarda il teatrino
Ma se torniamo a Margot e al suo destino
Dobbiam parlar di trecento canzoni
Che stan seguendo le oscillazioni
Della politica, come consiglia
La tradizione della sua famiglia.
Sono canzoni ironiche e tristi
Che parlan spesso di poveri Cristi,
E guardano con occhiali speciali
Ciò che riportano tutti i giornali.
Come all’inizio della sua avventura,
Cantando sempre, senza aver paura,
Margot racconta ingiustizie tremende
E dell’attual società le vicende.

In conclusione: Margot è ritornata
A quella cronaca, che era cantata
Da un gruppo che ormai si è sciolto da anni
(Dura cagion di dolorosi affanni…).
Ma l’avventura teatral non è morta:
chiuso un portone, si apre una porta.

Conoscer la sua biografia futura
Sarebbe, è ovvio, un’impresa un po’ dura…
Ma è così, fra teatro e canzoni,
Scene, costumi, regie ed invenzioni
Che questa vita assai piena va avanti
Si spera ancora per tanti anni, e tanti.

Che se poi invece dovesse finire
Pria del previsto, dovendo morire,
Si potrà dir che ha lasciato alle spalle
Molte creazioni, e non solo farfalle.
Basterà legger la sua biografia
Su questo sito (per vasta che sia)
Per farsi una vaga idea di Margot
E delle cose che a tutti donò.
E a questa lapide lei pensa spesso:
“Fu troppo brava per aver successo”…

La biografia è comunque un sigillo:
O meglio ancora: un bel coccodrillo.


Venezia, settembre 2015

adriana - 2017/8/24 - 10:51



Per cosa dovrei esser ricordata?



adriana - 2017/8/25 - 15:37



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org