Language   

Lamentos d'unu nobile

Peppino Mereu
Language: Sardinian

List of versions


Related Songs

Deo no isco, sos carabineris
(Coro Rubanu Orgosolo)
Naneddu
(Tazenda)
Su testamentu
(Peppino Mereu)


Nella raccolta “Poesias”, pubblicata a Cagliari nel 1899 per i tipi della Premiata Tipografia Eitice Editrice P. Valdés.
Interpretata dai Tenore San Gavino de Oniferi, Nuoro.





Un nobile decaduto che ormai è costretto ad usare il bastone, un tempo simbolo di distinzione e comando, per raccogliere le cicche per strada… Disprezzò gli umili ed il loro lavoro, ne fece di cotte e crude, abusò del proprio potere e della propria ricchezza negando giustizia ai poveri… E mal gliene incolse. E’ troppo tardi ormai, “non si piega più la schiena al lavoro” e la croce del cavalierato che l’ha protetto in passato è ormai cosa morta. E si avvicina il giorno in cui anche il nostro, senza più santi in paradiso, trascorrerà il suo tempo a “contemplare il cielo a quadri”…
Funesta rughe
chi giust'a pala
per omnia saecula
ba’in ora mala.

In diebus illis
m'has fatt' onore,
ma oe ses simbulu
de disonore.

Oe unu nobile
chi no hat pane,
senz' arte, faghet
vida ‘e cane.

Senz'impiegu
su cavalieri,
est unu mulu
postu in sumbreri.

A pancia buida,
senza sienda,
papat, che ainu,
paza in proenda.

Deo faeddo
cun cognizione,
ca isco it' este
s'ispiantaggione.

In illo tempore,
cando tenia
ricchessa, bene
e nobilia:

Pappai peta,
peta 'e vitellu
frisca, frischissima
dae su masellu.

Oe mi contento
de pan’e casu,
cando chi nd'apo,
e binu a rasu.

E, tra parentesi,
gai, pro collunu,
mi narant martire
de su digiunu.

Ah caros tempos
c’happo connottu!
sezis mudados
in d'unu bottu!

In cussos tempos,
in sos festinos
mi sustentai
de puddighinos.

Puddas chi rassu
faghiant brou,
dogni manzanu
caffè con ou.

Pranzos de gala,
festinos, ballos,
gorbatta bianca
e guantos giallos.

Cun sa chiterra
in sas carrellas
alzai su cantigu
a sas istellas.

De notte in festas
semper ischidu —
tiriolupedde —
de die dormidu.

Supervu, a nemos
m'inchinaia,
vantende alteru
sa rughe mia.

Oe sa supervia
no est de mundu
sos pantalones
non giughent fundu.

Sa bacchettina
de sas pius riccas,
s’est cunvertida
in ciappa-ciccas.

S'aneddu d'oro
de calidade,
est in su Monte
de piedade.

E su rolozu
cun sa cadena,
mi l'happo endidu
pro una chena.

In cussa chena
funesta e vile,
m'happo giogadu
caddu e fusile.

Torrad' a domo
po pius dolore,
m' ido sa visita
de s'esattore.

Dendemi titolos
de riccu e nobile
mi ettat in cara:
Ricchezza mobile.

Eo li rispundo
in tonu affabile:
ricchesa mobile
miseria stabile.

Eh già! Mi narat,
ma cando mai
Lei, cavaliere,
poveru gai?

Sa peronospera
tottu ha distruttu,
binzas e campos
non dant produttu.

Quindi, pazienza
tenzat pro como
- li naro, ipse
intrat in domo.

E a crebagoro
de sa familia
ponet suggellos
a sa mobilia.

Sa domo no,
est rispettada
pro mores d’esser
ipotecada.

Tottu suggellat,
piattos, bottiglias,
ispidos, trebides,
truddas, graviglias,

e provvisteddas
c' haia fattas,
basolu, caule,
zuccas, patatas,

lintiza, fae,
lardu, salamene,
lassende in domo
miseri' e famene.

In fines tottu
sequestradu,
eo cu sa rughe
mi so restadu.

E prite tottu custu? Zertamente
est pro sa macca e vana testa mia.
Superv’e indolente,
chi su mundu fit gai non credia.

Sa rughe si ridiat de su zappu
ca mai happo connott’it’est sudore,
e oe, tontu che nappu,
imbidio s’onestu zappadore.

Zappador’in berritta mi disizo;
so famid’e m’abbizzo de s’isbagliu,
ma tardu mi nd’abbizo,
non frittit pius s’ischin’a su trivagliu.

Trivagliu dae sos bonos riveridu
ma rinnegadu dae sa rughe mia;
semper l’happo fuidu,
dendem’in brazzos a sa mandronia.

So vivid’oziosu, isreguladu
che caddu rude chi no sentit frenu:
s’haia trivagliadu
no haia bisonz’ ’e pan’anzenu.

Finalmente, funesta e tropp’in cabadu
de su male sa pag’happo cumprida.
Deus non pagat su sabadu,
ma pagat tottas sas dies de sa chida.

Galu sa paga giusta no m’hant dadu,
ca s’ischerant su male c’happo fattu,
di’a esser giamadu
s’astr’ ’e su domiciliu coattu.

Su vissiu, non curante de s’onore,
hat giogad’a s’anzenu bruttos tiros,
e vile truffadore
mi so fattu cun pessimos raggiros.

Non est chi m’happet salvadu sa malissia
dae sas penas c’happo meritadu,
sol’est ca sa giustissia
hat fatt’assign’in su cavaglieradu.

Si dae cussas penas nde so foras,
sa rughe m’est servida pro iscuja,
si no a’ custas oras
fia carrende sale a testa ruja.

Però non poto narrer: «Nde so foras
de sas ferradas cabbias de ladros»,
prit’oe timo ancoras
de cuntemplare su chel’a quadros.

S’ ’enzerat cussu die passienzia
rughe buffa, no nelzas ch’est abusu:
tott’est cunseguenzia
de su vissiu ch’in me tue has infusu.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/6/10 - 11:55



Language: Italian

Traduzione italiana di Marco Maulo, dalle “Poesias” come edite dalla Ilisso di Nuoro nel 2004.
LAMENTI DI UN NOBILE

Croce funesta
che porto in spalla,
per omnia sæcula
va’ in malora.

In diebus illis
m’hai fatto onore,
ma oggi sei simbolo
di disonore.

Oggi un nobile
che non ha pane,
senz’arte, fa
vita da cane.

Senza impiego
il cavaliere,
è un mulo,
col cappello.

A pancia vuota,
senza averi,
mangia, come l’asino,
la razione di paglia.

Io parlo
con cognizione,
perché so cos’è,
la miseria.

In illo tempore
quando avevo
ricchezze, beni,
e nobiltà:

mangiar carne,
carne di vitello,
fresca, freschissima,
dal macello.

Oggi m’accontento
di pane e formaggio,
quando ne ho,
e vino al colmo.

E tra parentesi,
così, per coglionatura,
mi dicono martire
del digiuno.

Ah tempi cari
che ho conosciuto!
Siete cambiati
tutto d’un botto!

In quei tempi,
nei festini,
mi nutrivo
di pollastri.

Galline che grasso
facevano il brodo,
ogni mattina
caffè con l’uovo.

Pranzi di gala,
festini, balli,
cravatta bianca
e guanti gialli.

Con la chitarra
per le strade,
levavo il canto
alle stelle.

Di notte in festa
sempre sveglio,
pipistrello,
di giorno addormentato.

Superbo, a nessuno
m’inchinavo
vantando altero
la mia croce.

Oggi la superbia
non è di mondo,
i pantaloni,
non hanno fondo.

La bacchettina
Delle più ricche,
s’è convertita
in acchiappa-chicche.

L’anello d’oro
di qualità,
sta nel Monte
di pietà.

E l’orologio
con la catena,
l’ho venduto
per una cena.

In quella cena
funesta e vile,
mi son giocato
cavallo e fucile.

Tornato a casa
per maggior dolore
mi vedo la visita
dell’esattore.

Dandomi titoli
di ricco e nobile
mi getta in faccia:
«Ricchezza mobile».

Io gli rispondo
in tono affabile:
«Ricchezza mobile
miseria stabile».

«Eh già!» mi dice,
«ma quando mai,
Lei, Cavaliere,
così povero?».

«La peronospora
tutto ha distrutto,
vigne e campi
non dan prodotto.

Quindi pazienza
abbiano per ora»
gli dico, lui
entra in casa.

E a crepacuore
della famiglia
mette i sigilli
alla mobilia.

La casa no,
è rispettata
perché tanto è
ipotecata.

Tutto sigilla,
piatti, bottiglie,
spiedi, treppiedi,
mestoli e griglie.

E provviste
che avevo fatte
fagioli, cavoli,
zucche, patate.

Lenticchie, fave,
lardo, salame,
lasciando in casa,
miseria e fame.

Infine, tutto
sequestrato,
io con la croce,
sono restato.

E perché tutto questo? Certamente
è per la matta e vana testa mia.
Superbo e indolente,
non credevo che il mondo fosse così.

La croce rideva della zappa
perché mai ho saputo cos’è il sudore,
e oggi, tonto come una rapa,
invidio l’onesto zappatore.

Mi vorrei zappatore in berretto;
sono affamato e m’accorgo dello sbaglio,
ma tardi me ne accorgo,
non si piega più la schiena al lavoro.

Lavoro dagli onesti riverito
ma rinnegato dalla mia croce;
sempre l’ho rifuggito,
abbracciando la poltronite.

Sono vissuto ozioso, sregolato
come un cavallo indomito che non sente il freno:
se avessi lavorato
non avrei bisogno del pane altrui.

Infine, funesto e troppo tardi
ho pagato il pegno del male fatto.
Dio non paga il sabato,
ma paga tutti i giorni della settimana.

Ancora la giusta paga non m’hanno dato,
perché se sapessero del male che ho fatto,
sarei chiamato
l’astro del domicilio coatto.

Il vizio, noncurante dell’onore,
ha giocato all’altrui brutti tiri,
e vile truffatore
son diventato, con pessimi raggiri.

Non è che m’abbia salvato la malizia
dalle pene che ho meritato,
è solo che la giustizia
ha fatto affidamento sul cavalierato.

Se da quelle pene sono fuori,
la croce mi è servita da scusa,
se no a quest’ora,
starei trasportando sale con la testa rossa.

Però non posso dire: «Sono fuori
dalle gabbie di ferro dei ladri»,
perché oggi ancora temo
di contemplare il cielo a quadri.

Se giungesse quel giorno pazienza
buffa croce, non dire che è un abuso:
tutto è conseguenza
del vizio che in me hai infuso.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/6/10 - 11:57



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org