Language   

Lu sicilianu

Pino Veneziano
Language: Sicilian

List of versions


Related Songs

Sugnu sicilianu
(Cantunovu)
Rose e gramigna
(Giampiero Mazzone)
Ammazzàti, ammazzàti
(MondOrchestra)


[1975]
Parole e musica di Pino Veneziano.
Nel disco intitolato “Lu patruni è suvecchiu”
Testo trovato sul sito dedicato a Pino Veneziano.

Lu patruni è suvecchiu
Lu sicilianu è ‘nta tuttu ‘u munnu,
ppi travagghiari sempri va girannu;
lu zingaru ‘un nn’è cchiù lu gitanu,
ma è lu calabrisi, è lu sicilianu.

Nascivi ‘nta sta terra fatta a tri pizza,
sugnu costretto a l’emigrazioni,
vajiu campannu di umiliazioni,
e dunni arrivu mi mettinu la cavizza.

Ma ora p ‘un mi fari cchiù emigrari
l'industrie ‘nta sta terra vonnu fari,
ma cu li ciminii, fumu e munnizza
mi porterrannu ccà la me cavizza.

E di quant’ havi ca esisti lu munnu
chi ‘nta sta terra c’è un boia tirannu,
ma ora ca li tempi su’ canciati,
li boia si su’ moltiplicati.

Chissa è ‘na terra ca nni duna aranci,
chissa è ‘na terra ca nni duna vinu,
si nni po’ fari un beddu jardinu,
ma cca cu havi li guai si li chianci.

No, nun criditi a chiddu ca si dici,
ca cu l’industrie si campa filici.
Guardati Gela, su’ ‘ndustrializzati,
sunnu aumentati i disoccupati.

Chista è la sorti ddi lu siciliano
ca a tutti i banni chiamanu gitanu.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/6/4 - 10:33



Language: Italian

Traduzione italiana dal sito dedicato a Pino Veneziano.

Pino Veneziano
IL SICILIANO

Il siciliano è in tutto il mondo,
per lavorare va sempre in giro;
lo zingaro non è più il gitano
ma è il calabrese, è il siciliano.

Sono nato in questa terra fatta a tre punte,
sono costretto all'emigrazione,
vivo quotidianamente umiliazioni
e dove arrivo mi incatenano come un animale.

Ma ora per non farmi più emigrare
vogliono fare le industrie in questa terra,
ma con le ciminiere, fumo e spazzatura
porteranno qui le mie catene.

E sin da quando esiste il mondo
che sulla terra c'è un boia tiranno,
ma ora che i tempi sono cambiati
i boia si sono moltiplicati.

Questa è una terra che ci da arance,
questa è una terra che ci dà vino,
se ne può fare un bel giardino,
ma chi ha guai se li piange.

No, non credete a quello che si dice,
che con le industrie si vive felici.
Guardate Gela, sono industrializzati,
sono aumentati i disoccupati

Questa è la sorte del siciliano
che ovunque chiamano gitano

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/6/4 - 10:34



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org