Language   

John Ball

Sydney Carter
Language: English


Related Songs

Friday Morning
(Sydney Carter)
The Crow On The Cradle
(Sydney Carter)
Song of the Leaders
(Roy Bailey)


[1981]
Parole e musica di Sidney Carter (1915-2004), poeta, cantautore e musicista folk inglese.
Nel disco collettivo intitolato “Lovely in the Dances: Songs of Sydney Carter”, con lo stesso autore e molti grandi nomi del folk britannico, a partire da Maddy Prior e John Kirkpatrick.
Testo trovato sul solito ineguagliabile Mudcat Café



Una canzone, quasi infantile, sicuramente cristiana (nel senso profondo dell’aggettivo) che parla di amore, di amicizia, di rispetto reciproco, di uguaglianza...
E’ dedicata a John Ball (1338-1381), un predicatore, un “lollard” (seguace della filosofia egualitarista di John Wycliffe), un prete perseguitato e scomunicato dalla Chiesa inglese. “Lollards” - l’etimologia è incerta: zizzania (da lolium), o “borbottanti” (dal neerlandese lollaerd), o da Lolhard, nome di un francescano convertito al valdismo e poi bruciato come eretico nel 1370... - erano chiamati spregiativamente i “poor preachers” che diffondevano il pensiero di Wycliffe, antiautoritario, antidottrinario, anticlericale, iconoclasta, egualitarista, avverso al celibato, alla guerra, alla violenza, alla pena capitale e all’aborto.



John Ball, che predicò in diverse contee finendo poi nel Kent ai tempi della rivolta di Wat Tyler, fu cacciato in prigione molte volte e poi fu scomunicato dal potente Arcivescovo di Canterbury. La sua intransigenza lo rese inviso anche alla corte di Edoardo III, che inizialmente gli aveva offerto protezione. Insomma, un prete scomodo. Quando nel 1381 il successore di Edoardo, il giovanissimo Riccardo II, impose nuove tasse ai sudditti già stremati da pestilenze e guerre, il popolo insorse nel Kent. John Ball fu preventivamente imprigionato dal perfido Arcivescovo, ma un gruppo di insorti guidati dallo stesso Wat Tyler lo liberò. Fu in quei giorni di giugno del 1381 che John Ball si rivolse ai contadini in armi iniziando la sua predica col famoso interrogativo retorico: “Quando Adamo coltivava i campi ed Eva filava, chi era allora il nobile?”. Il seguito è noto (e purtroppo consueto nel corso della Storia): cadde qualche nobile testa (compresa quella dell’odiato porporato) ma poi il Potere si ricompattò, finse di trattare e di accogliere le richieste degli insorti, Wat Tyler fu ucciso a tradimento, la rivolta morì e John Ball, insieme a molti altri contadini ignoti, fu catturato, sommariamente processato (giusto per salvare le apparenze) e quindi “giustiziato”: impiccato e squartato e poi decapitato. La testa esposta a London Bridge.
Who’ll be the lady, who will be the lord
When we are ruled by the love of one another
Who’ll be the lady, who will be the lord
In the life that is coming in the morning

Sing, John Ball and tell it to them all
Long live the day that is dawning
And I'll crow like a cock, I'll carol like a lark
For the life that is coming in the morning

Eve is the lady, Adam is the lord
When we are ruled by the love of one another
Eve is the lady, Adam is the lord
In the life that is coming in the morning

Sing, John Ball and tell it to them all
Long live the day that is dawning
And I'll crow like a cock, I'll carol like a lark
For the life that is coming in the morning

All shall be ruled by fellowship I say
All shall be ruled by the love of one another
All shall be ruled by fellowship I say
In the life that is coming in the morning

Sing, John Ball and tell it to them all
Long live the day that is dawning
And I'll crow like a cock, I'll carol like a lark
For the life that is coming in the morning

Labour and spin for fellowship I say
Labour and spin for the love of one another
Labour and spin for fellowship I say
And the life that is coming in the morning

Sing, John Ball and tell it to them all
Long live the day that is dawning
And I'll crow like a cock, I'll carol like a lark
For the life that is coming in the morning

Sing, John Ball and tell it to them all
Long live the day that is dawning
And I'll crow like a cock, I'll carol like a lark
For the life that is coming in the morning

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/5/17 - 12:12



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org